Neymar e Cavani, è anche un discorso di bonus? Il PSG cerca un compromesso

Il spera di riportare la situazione alla normalità, dopo la lite tra Neymar e Cavani. Alla base di tutto anche un problema di bonus?

Quello che sta vivendo il PSG è un momento che, almeno sulla carta, dovrebbe essere esaltante. La compagine parigina è infatti riuscita a vincere le prime sei partite di campionato ed ha travolto per 5-0 il Celtic a Glasgow nel match di debutto nella nuova edizione della Champions League, il tutto dopo essere stata rinforzata in estate con l’arrivo di due stelle di prima grandezza come Neymar e Mbappé.

Eppure, se sotto il profilo dei risultati tutto sta andando liscio come l’olio, non lo stesso si può dire per quella che è l’aria che si respira nello spogliatoio. Come noto infatti, domenica sera, in occasione del match vinto contro il Lione, a causa di una disputa su chi dovesse battere un calcio di rigore, si è venuta a creare una frattura tra Neymar e Cavani.

Secondo quanto riportato nei giorni scorsi da L’Equipe, il bomber uruguaiano, rigorista designato dopo l’addio di Ibrahimovic, ed il fuoriclasse arrivato dal Barcellona per 222 milioni di euro, domenica sera, dopo il triplice fischio, sarebbero quasi arrivati alle mani, tanto che è stato necessario l’intervento di Thiago Silva e Marquinhos per dividerli.

Una situazione, quella che si è venuta a creare, estremamente delicata, vista la caratura dei protagonisti e, per tale motivo, la dirigenza del PSG ha deciso di correre ai ripari. Sia nel contratto di Cavani che in quello di Neymar, ci sarebbero delle clausole legate al numero di goal segnati in una stagione e in ballo ci sarebbero cifre ovviamente importanti.

Il direttore sportivo del Paris Saint-Germain convocherà nelle prossime ore, i due giocatori in sede per un chiarimento definivo e magari potrebbe proporre loro ulteriori clausole con premi annessi al fine di placare gli animi. Secondo Le Parisien, è probabile anche che venga proposta un’alternanza che preveda che i due giocatori si dividano i rigori da battere. Non resta che vedere se i due bomber sudamericani accetteranno questo tipo di accordo e se nello spogliatoio della compagine transalpina riuscirà a regnare nuovamente la pace.

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità