Niente procedura d'urgenza della CGUE: la questione Superlega rischia di protrarsi ancora per lungo tempo

·1 minuto per la lettura

La questione Superlega (e tutti gli strascichi a lei connessi) rischia di protrarsi ancora per lungo tempo sforando non solo nella stagione 2021/22 ma pure in quella successiva.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il motivo di tutto ciò è da attribuire alla Corte di Giustizia Europea che ancora non si è pronunciata sulla questione: fino a oggi a muoversi concretamente è stato solamente in Tribunale Commerciale di Madrid il quale però ha bisogno proprio della CGUE per far valere la propria legittimità anche in altri stati della UE e portare avanti il discorso in merito alla domanda di procedura d'urgenza accelerata nei confronti di Juventus, Real Madrid e Barcellona.

Da qui passerà la partita a scacchi tra la UEFA e la Superlega con i tempi che rischiano per l'appunto di allungarsi sensibilmente spostando almeno per ora l'ago della bilancia a favore della stessa UEFA. Finché la Corte di Giustizia non si pronuncerà a riguardo non ci potrà essere nessun via libera per il lancio del progetto Superlega, progetto che non è ancora morto in via definitiva ma che al momento è stato congelato e messo temporaneamente in un angolo.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli