Non c'è l'accordo tra Juve ed Everton, Kean va al PSG

·2 minuto per la lettura

Voleva la Juve e solo la Juve. Ma la Juve non è riuscito a riportarlo a Torino. Un po' per forza, un po' per scelta. Per forza perché le condizioni pretese dall'Everton in questo preciso momento non potevano essere garantite dalla società bianconera, che ha dovuto fare altre scelte in ordine di priorità: fasce al primo posto, tutto su Federico Chiesa o su uno degli esterni in uscita dal Chelsea magari. La trattativa per Kean si è sempre sviluppata parallelamente, per lui non c'era alcuno spazio da fare in organico, essendo un classe 2000 cresciuto nel vivaio bianconero. Ma a bilancio sì. E dovendo scegliere come provare a utilizzare il tesoretto, la Juve non è riuscita a soddisfare le richieste dell'Everton. Che dal club bianconero si sarebbe aspettato di rientrare dall'investimento fatto appena una stagione fa, accettando l'ipotesi di un prestito anche biennale ma con obbligo di riscatto arrivando ad almeno 25 milioni di euro. Niente da fare. Così pure Mino Raiola che ha provato in ogni modo ad accontentare il suo assistito ha dovuto trovare un piano B.

ECCO IL PSG – Si cade sempre in piedi con lui, in ogni caso. Perché l'alternativa in grado di convincere Kean e l'Everton è addirittura il Psg. Se fino ai primi giorni di questa settimana l'attaccante ha atteso sviluppi sul fronte bianconero, all'ennesimo club pronto a puntare su di lui non ha potuto dire di no, d'altronde poter giocare con Neymar o Mbappé è comunque roba per eletti: proprio da Parigi l'affondo diventato sorpasso in poche ore, Kean andrà in prestito con diritto di riscatto, grazie a un Everton più morbido rispetto a quanto fatto con la Juve ritenendo così di tutelare maggiormente il proprio investimento. Con Moise che prenderà il posto di Erik Maxi Choupo Moting, pronto a volare in direzione Bayern Monaco.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli