Non la avvisano che è positiva al Covid, infermiera continua a lavorare in reparto per 7 giorni

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
(Photo: Kiwis via Getty Images)
(Photo: Kiwis via Getty Images)

L’infermiera è positiva al Covid ma non lo sa e continua a lavorare in reparto per una settimana: nessuno l’aveva avvertita dell’esito positivo del tampone. Accade all’Ospedale Cervello di Palermo.

La donna, in servizio a Ostetricia e ginecologia, si era sottoposta al tampone tra il 19 e il 20 ottobre. Nessuno però si sarebbe preoccupato di escluderla dai turni, così l’operatrice sanitaria aveva continuato a lavorare nel reparto a stretto contatto con i pazienti. La scoperta 10 giorni dopo il primo tampone, quando l’infermiera si è recata ad effettuarne un secondo e ha chiesto di conoscere l’esito del primo. PalermoToday scrive:

Non è ancora chiaro se la direzione ospedaliera abbia inviato o meno una comunicazione con il referto del tampone. Di certo nessuno si sarebbe premurato di accertare che il messaggio fosse arrivato a destinazione, evitando quindi che l’infermiera si recasse sul posto di lavoro.

La replica dell’ospedale:

“L’azienda sta procedendo a tutte le verifiche del caso”.

A commentare il fatto è giunto il segretario provinciale della Fials-Confsal Vincenzo Munafò:

″È un fatto gravissimo. Che senso ha andare a cercare i contagi? Parliamo di una persona che sta a stretto contatto con altre persone che potenzialmente non dovrebbero essere infette”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.