Nonostante il prestito di Oaktree i conti dell'Inter restano un problema: la situazione

·1 minuto per la lettura

In un ambiente Inter scosso dal clamoroso addio a mister Antonio Conte, pochi giorni dopo la festa per il 19° scudetto conquistato, continuano a tenere banco le difficoltà economiche del club. Questi saranno giorni frenetici non solo per la scelta del nuovo allenatore (Marotta spinge per Allegri, che però è ad un passo per il ritorno alla Juve), ma anche per il CdA che oggi dovrà mettere a fuoco la situazione (non rosea) dei conti.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Il prestito da 275 milioni di euro arrivato da Oaktree non è bastato a far dormire sonni economicamente tranquilli all'Inter, rivela l'edizione odierna del Corriere della Sera, con un bilancio che continua a restare ancora troppo pesante e che dovrà essere alleggerito a cominciare dal taglio del monte ingaggi (tra il 15 e il 20%) e al sacrificio di uno o due top player della rosa nerazzurra. Ed entro la fine di questa settimana verranno presentate relazione trimestrale e quadro finanziario, per chiarire una situazione che andrà ad impattare anche sul mercato. E in questo senso il diktat imposto da Suning e Steven Zhang è chiaro: chiudere la sessione delle trattative con un saldo positivo di 80 milioni di euro.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli