Nuova Zelanda, tribù maori vieta ai no-vax l'uso della haka

·1 minuto per la lettura
Melbourne, Australia, September 5, 2004: Dancers perform the Haka during a celebration of New Zealand culture.
Melbourne, Australia, September 5, 2004: Dancers perform the Haka during a celebration of New Zealand culture.

In Nuova Zelanda, la tribù Maori che possiede i diritti sull'haka "Ka Mate" ha intimato ai manifestanti anti-vaccino di non utilizzare il famoso rituale durante le proteste. 

La tribù Ngati Toa è riconosciuto dalla legge neozelandese come custode culturale del "Ka Mate", utilizzato nelle recenti proteste contro le restrizioni legate al coronavirus.

"Ngati Toa condanna l'uso della haka Ka Mate per promuovere messaggi contrari alla vaccinazione anti-Covid-19", ha detto in una nota la tribù, la cui sede si trova appena fuori Wellington.

L'haka Maori si presenta in molte forme, ma l'"Ka Mate" - che da oltre un secolo viene eseguita dalla squadra di rugby degli All Blacks prima delle partite - è di gran lunga la più conosciuta.

Il rituale di battere i piedi e far roteare gli occhi è saldamente radicato nella cultura neozelandese ed è spesso utilizzato in occasione di eventi sociali significativi come matrimoni o funerali.

Il Parlamento ha approvato una legge nel 2014 che riconosce Ngati Toa come custode dell'haka, sebbene la legislazione non preveda sanzioni in caso di abuso.

GUARDA ANCHE: L'Irlanda batte gli All Blacks e Biden telefona ai giocatori

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli