Nuovo stadio, botta e risposta Inter-Sala: il club nerazzurro spera in una risposta entro la fine di maggio

Stefano Bertocchi
·1 minuto per la lettura

"Io credo che lo stadio si debba fare, non ho cambiato idea. L’ho detto con decisione e lo riconfermo: il nuovo San Siro è utile. Ma il punto è un altro e una volta per tutte va chiarito: lo stadio vale meno della metà del progetto immobiliare proposto da Inter e Milan. È davvero così illogico voler sapere chi è quel qualcuno a cui affideremo per diversi anni la rigenerazione del quartiere?". È quanto si chiede nell'intervista a La Gazzetta dello Sport Beppe Sala, sindaco di Milano e protagonista di un duro botta e risposta con l'Inter in merito alla delicata questione del nuovo San Siro.

Beppe Sala | Roberto Finizio/Getty Images
Beppe Sala | Roberto Finizio/Getty Images

Da Palazzo Marino si aspettano rassicurazioni dirette da parte di Steven Zhang sul progetto Suning ha in mente per l'Inter, al centro di trattative per il possibile cambio di proprietà.

Sul fronte nerazzurro - riferisce oggi il Corriere dello Sport - ritengono invece improbabile un incontro ad alti livelli in tempi brevi perché reputano la posizione della proprietà sul futuro del club molto chiara. E le perplessità dell'Inter sono legate alla lunghezza dell'iter amministrativo: la speranza della società nerazzurra è che entro fine maggio arrivi la risposta alla documentazione già presentata al Comune per poi procedere con la scelta di uno dei due progetti.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo dell'Inter e della Serie A.