Nuovo stadio della Roma: dopo Pasqua le aree disponibili. Due le soluzioni più praticabili

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

In casa Roma c'è grande soddisfazioni per il cammino europeo intrapreso dalla formazione di Paulo Fonseca in Europa League. La Roma è ai quarti di finale e dovrà vedersela con l'Ajax, eventualmente in semifinale con lo United o con il Granada.

La Roma ci crede e crede anche nella rincorsa europea. Intanto, nella stanza dei bottoni giallorossa, si parla del futuro stadio romanista. Abbandonato definitivamente il progetto di Tor di Valle, ora bisognerà attendere dopo Pasqua per lo studio del Campidoglio sulle aree disponibili per la costruzione del nuovo stadio.

Ryan Friedkin | Silvia Lore/Getty Images
Ryan Friedkin | Silvia Lore/Getty Images

Secondo il Corriere dello Sport infatti, al momento sembrano essere due le soluzioni più praticabili: Pietralata e Torrespaccata. L’obiettivo è scegliere l’area e impostare il lavoro amministrativo prima della fine dell’anno. L'idea sarebbe quella di costruire uno stadio con la capienza massima di 50.000 posti. Le aree prese in esame non necessitano di alcuna variazione al Piano regolatore. I costi non devono essere eccessivi per dotare l’area di infrastrutture di mobilità: niente ponti, treni, stazioni da rifare. Dunque, il Comune e il club andranno avanti insieme per un nuovo progetto, dai costi contenuti rispetto al progetto Pallotta.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Roma e della Serie A.