Nwaneri è storia della Premier: esordio con l'Arsenal a 15 anni. La Nigeria, l'idolo Wilshere e la corte di Guardiola

"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia""

15 anni, 5 mesi e 28 giorni. L'età che entra di diritto nella storia della Premier League è quella di Ethan Nwaneri, centrocampista offensivo dell'Inghilterra Under 17 che ieri è entrato in campo con la maglia dell'Arsenal nel finale della sfida vinta per 3-0 a Brentford ed è diventato il primo giocatore della storia del calcio inglese di età inferiore ai 16 anni a giocare in Premier League, superando così Harvey Elliott, che esordì nel Fulham a 16 anni e 30 giorni, e divenendo il più giovane deb del Regno Unito.

LE ORIGINI NIGERIANI, L'U 21 E IL GOL AL DEBUTTO CON L'U 18 - Classe 2007 e già nel giro dell'Under 21 inglese, l’anno scorso aveva segnato al debutto con l'Under 18: ieri però si è calato nel calcio dei grandi, subentrando a Fabio Vieira al minuto 91' del match decisivo per i Gunners per raggiungere il primo posto del campionato, al primo mini-giro di boa. Nato a Londra da genitori nigeriani, ha iniziato ad allenarsi con la prima squadra in settimana, a causa anche di un reparto falcidiato dagli infortuni, ultimo quello del norvegese Martin Odegaard.

WILHERE, ADAMS E L'INTERESSE DI GUARDIOLA - All'occorrenza trequartista, dotato di senso del gol, si è fatto notare giocando nell'Under 21 dei sotto età: paragonato a Jack Wilshere e scelto da Tony Adams in persona, è seguito da Liverpool e Manchester City, con Guardiola molto interessato, che vorrebbero approfittare del suo contratto non ancora da professionista. Occhio anche alla nazionale, con la Nigeria che sta premendo per strapparlo all'Inghilterra. Quello che è certo è che sentiremo a lungo parlare di Nwaneri: il futuro è suo.

@AleDigio89