Obiettivo Buffon: "Sentirmi dire quando smetterò peccato tu non ci sia più"

La retroguardia bianconera non ha rivali: arma in più nelle mani di Allegri e, intanto, Buffon non subisce reti in Champions League da 531 minuti.

Altra prestazione super quella del capitano della Juventus Gigi Buffon al Louis II. Al termine del match il numero 1 della Vecchia Signora è intervenuto ai microfoni di Mediaset Premium per commentare quanto accaduto in campo.

A prescindere dal risultato e da quello che succederà da qui alla fine della stagione Buffon ha un obiettivo personale: "Sono lì per parare, ogni volta devo dimostrare di valere questo livello nonostante l'età e la carta d'identità. L'obiettivo è quello di smettere di giocare e far sì che tutti mi dicano peccato che hai smesso. E' l'obiettivo che mi sono prefissato".

La prestazione della squadra lo ha soddisfatto per compattezza e qualità: "Mbappè o Iniesta? Non le ho riviste e non posso giudicare, ma l'importante è farsi trovare pronto quando la squadra ha bisogno, fin quando faccio questo sono soddisfatto e felice. Penso che abbiamo fatto la gara che dovevamo fare per vincere e per non subire reti. Se non hai compattezza quando difendi e qualità quando attacchi non vai da nessuna parte. L'obiettivo è chiaramente quello di migliorare. Visto che per molti c'è poco tempo è meglio fare ancora dei passi in avanti".

Nonostante la stagione da urlo nessuna intenzione di fare un pensierino al Pallone d'Oro: "Pallone d'Oro? Non mi manca, è una cosa alla quale non penso. Sono alla Juventus e spreco già tante energie per mantenermi in condizione di performare bene in tutte le gare ed in particolar modo in queste. Giocare in una grande squadra come questa mi dà grande soddisfazione".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità