Oliveira, Brekalo, Simeone, Piatek e gli altri tra scadenza, riscatti all'ultimo e futuro da scrivere: tutti gli scenari

Il termine ultimo per il riscatto, da parte dei club di Serie A, dei giocatori presenti nelle rose in prestito, era ieri. Di conseguenza, si aprono diversi orizzonti per i giocatori di Serie A che non sono stati riscattati. Tra possibili trattative, addii granitici e riscatti esercitati all'ultimo, si aprono le danze di un mercato che si prospetta tutt'altro che tranquillo.

TORREIRA - Lucas Torreira è stato il fiore all'occhiello della Fiorentina nel corso dell'ultima stagione. Dopo un periodo di apprendistato, il nazionale uruguaiano ha giganteggiato in mezzo al campo risultando spesso e volentieri come il migliore in campo nei viola. Nonostante ciò, la società gigliata ha deciso di provare a forzare la mano con il giocatore e l'Arsenal, chiedendo sconti ad entrambi. Risposta? Picche, e tanti saluti al numero 18.

DEMIRAL - Il suo riscatto è stato in dubbio fino all'ultimo, complice una stagione vissuta tra diversi alti - migliore in campo nella sfida contro il Manchester United e la Juventus - e qualche basso - peggio in campo nella sfida contro il Villarreal. Malgrado ciò, l'Atalanta ha deciso di riscattare il classe 1998: nelle casse della Juventus verranno versati 20 milioni di euro. La permanenza del turco a Bergamo, però, è tutt'altro che scontata con una plusvalenza all'orizzonte.

MORATA - È una storia destinata a non finire mai, quella tra Alvaro Morata e la Juventus. Dopo l'arrivo di Dusan Vlahovic, il numero 9 ha trovato un nuovo ruolo e anche una nuova dimensione che lo hanno consacrato con un giocatore chiave all'interno degli schemi di Allegri. Troppi, però, i 35 milioni richiesti da parte dell'Atletico Madrid. Colloqui rimandati a estate inoltrata.

OLIVEIRA - Stagione vissuta su livelli sufficienti. Sergio Oliveira, però, ha uno sponsor non da poco: José Mourinho. La Roma, nonostante ciò, ritenendo troppi i 13 milioni per il riscatto, ha deciso di non esercitarlo. Si tenterà di limare il prezzo nel corso dell'estate.

BREKALO - Quello del Torino per Josip Brekalo non è mai stato un amore corrisposto. I granata, convinti delle qualità del giocatore, erano pronti a versare nelle casse del Wolfsburg ben 11 milioni di euro. Brekalo, però, ha anticipato tutti, dichiarando al Toro di non voler proseguire la sua carriera in Italia.

THEATE - Assoluta rivelazione nel corso della scorsa stagione, Arthur Theate si è assestato su ottimi livelli. Prestazioni che hanno convinto con largo anticipo il Bologna a esercitarne il riscatto dal Oostende: 6,5 milioni versati nelle casse degli olandesi. Anche in questo caso, però, la permanenza del classe 2000 in Emilia è tutt'altro che scontata, con diversi club sulle sue tracce.

PIATEK - Arrivato a gennaio con una responsabilità non da poco: sostituire Dusan Vlahovic. Un compito, per Krystof Piatek, tutt'altro che semplice. Il nazionale polacco, difatti, non l'ha portato a termine nel migliore dei modi. Nel corso della stagione ha lasciato raramente il segno, alternandosi spesso con Arthur Cabral. La Fiorentina ha deciso di non pagare i 15 milioni richiesti dall'Herta Berlino. Le porte, però, non sono chiuse e il classe 1995 potrebbe tornare a Firenze nel corso dell'estate.

SIMEONE - Giovani Simeone è esploso definitivamente. Il figlio d'arte, nella scorsa stagione, ha realizzato ben 17 gol. Cifra che ha indotto l'Hellas Verona a non mettere mai in dubbio il riscatto del classe 1995. Il nazionale argentino, però, cercato da squadra di mezza Europa, come Juventus e Valencia, con tutta probabilità non resterà a Verona.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli