Omicidio Caruana, premier maltese Muscat: "Mi dimetterò dopo il 12 gennaio"

REUTERS/Vincent Kessler
REUTERS/Vincent Kessler

Il premier maltese Joseph Muscat, travolto dal caso Daphne Caruana Galizia, la giornalista uccisa il 16 ottobre 2017, ha annunciato che si dimetterà dopo l'elezione del nuovo leader del partito laburista: ciò avverrà a partire dal 12 gennaio. ”È quello che serve in questo momento. Ho sempre detto che un premier non dovrebbe servire per più di due legislature", ha dichiarato.

Le manifestazioni di piazza

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza domenica 1 dicembre a La Valletta per chiedere le dimissioni immediate di Muscat e per garantire che giustizia sia fatta sull'omicidio della giornalista. Il corteo, guidato dai familiari di Daphne, ha esposto cartelli con le scritte 'Giustizia' e hanno scandito slogan, come 'mafia', 'assassini', 'fuori adesso', 'Daphne vive'.

LEGGI ANCHE: Fenech è stato incriminato per concorso in omicidio della giornalista Caruana Galizia

L'incriminazione di Fenech

Yorgen Fenech, 37 anni, imprenditore e re dei casinò, ex ad del Tumas Group (la principale holding di Malta) e proprietario della 17Black di Dubai, è stato accusato di essere il mandante dell’assassinio dall'intermediario, il tassista-usuraio Melvin Theum, che ha ottenuto la grazia per le prove che ha portato. L'uomo è stato accusato di “aver organizzato o finanziato un crimine compiuto il 16 ottobre 2017, di essere stato complice nell'assassinio di Daphne Caruana Galizia e di essersi procurato gli esplosivi per l'assassinio". I legali di Fenech hanno presentato all'ufficio del presidente della Repubblica tre domande di grazia in cambio di prove che accuserebbero Keith Schembri (ex braccio destro di Muscat) di essere il vero ispiratore dell'omicidio. 

LEGGI ANCHE: Omicidio Caruana Galizia, ai killer 150mila euro

Le indagini

Per l’omicidio della giornalista sono stati arrestati a Malta, nel dicembre 2017, dieci uomini, alcuni rilasciati, tre incriminati come esecutori materiali dell’uccisione: George e Alfred Degiorgio e Vincent Muscat, poi dichiarati non colpevoli. Il 19 novembre scorso la polizia maltese ha detto di aver arrestato un uomo sospettato di essere l’intermediario tra il mandante dell’uccisione e chi ha materialmente commesso l’omicidio.

GUARDA ANCHE: Chi è Daphne Caruana Galizia?


Potrebbe interessarti anche...