Otto cose che (forse) non sai sul Qatar

Getty Images

Il campionato del mondo di calcio torna in Asia dopo vent’anni dall’edizione andata in scena in Corea del Sud e Giappone e vinta dal Brasile, capace di battere in finale per 2-0 la Germania con una doppietta di Ronaldo, il ‘Fenomeno’: dal 20 novembre al 18 dicembre la rassegna iridata avrà come teatro il Qatar.

Andiamo a scoprire qualcosa in più del Paese: ecco otto cose che (forse) non sai sul Qatar.

1 – POPOLAZIONE

E’ in continua crescita la popolazione del Qatar: ha raggiunto quasi 3 milioni di persone secondo le più recenti stime. Neanche dieci anni fa, nel 2013, era di 1,8 milioni, dei quali solo 278 000 cittadini qatarioti (circa il 13% della popolazione, a fronte di 1,5 milioni di immigrati: gli indiani sono la comunità più numerosa, stimata in più di 500mila persone.

2 – GEOGRAFIA

Nella capitale, Doha, vive oltre un milione e mezzo di persone. L’intera nazione è poco più grande dell’Abruzzo: 11.437 chilometri quadrati contro 10.795. Il Qatar confina con un solo stato, vale a dire l’Arabia Saudita.

3 – POLITICA

Il Qatar è un emirato retto dalla famiglia reale Al Thani, che lo governa ormai dal 1825: de iure si tratta di una monarchia costituzionale. L’attuale emiro è Tamim bin Hamad Al Thani, il primo ministro è Khalid bin Khalifa bin Abdul Aziz al-Thani.

4 – CIBO

Cenare in compagnia rappresenta uno dei fondamenti della vita familiare e sociale qatariota ed è parte essenziale della cultura del Paese asiatico. Gli abitanti del luogo passano il cibo esclusivamente con la mano destra: attenersi a questa usanza farà certamente una buona impressione. Bere caffè è un’abitudine radicata, la gente del posto tiene sempre la propria tazza nella mano destra.

5 – VESTIARIO

Il 'thobe' è il costume tradizionale degli uomini del Qatar: si tratta di una tunica bianca lunga che viene indossata sopra pantaloncini o pantaloni lunghi di cotone bianco. La differenza con gli altri stili di thobe, diffusi negli altri paesi arabi, è nel copricapo: la sua forma può ricordare la testa di un cobra. Le donne invece indossano un lungo mantello nero. Lo chiamano Abaya, lascia scoperte le mani, i piedi e il capo, che spesso viene coperto con la Shayla.

6 – RELAX

I trattamenti benessere sono parte integrante della cultura mediorientale e araba, nella quale l’utilizzo del bagno turco viene fatto risalire addirittura al Medioevo. Nel corso della propria permanenza in Qatar chiunque voglia concedersi un momento di relax può scegliere tra una grande varietà di centri benessere in grado di proporre una gamma veramente ampia di trattamenti e servizi.

7 – CALCIO

Per la prima volta nella sua storia la nazionale di calcio del Qatar parteciperà alla fase finale di un campionato del mondo. La sua vittoria più larga risale al settembre del 2015, quando si impose per 15-0 contro il fragilissimo Bhutan. Nell’occasione venne realizzata una tripletta sia da Ali Assadalla che da Mohammed Muntari.

8 – ALTRI SPORT

Alle più recenti Olimpiadi estive, andate in scena a Tokyo, il Qatar ha vinto tre medaglie, di cui due d’oro. Si sono messi al collo il metallo più prezioso Fares Ibrahim, nel sollevamento pesi, e il fenomenale Mutaz Essa Barshim, nel salto in alto, a pari merito con Gianmarco Tamberi. E’ invece tornata a casa con un bronzo la coppia del beach volley formata da Ahmed Tijan e Cherif Younousse.