Panchina d'Oro a Sarri? I numeri spiegano il trionfo del tecnico del Napoli

Maurizio Sarri ha vinto per la prima volta in carriera la Panchina d'Oro. Un riconoscimento per quanto espresso dal suo Napoli.

La Panchina d’Oro è da anni il riconoscimento più prestigioso che il calcio italiano assegna ai ai tecnici di Serie A. Per riuscire a mettere in bacheca tale premio infatti, un allenatore deve ricevere il maggior numero di voti possibili dati dai suoi stessi colleghi.

Ad essere premiato in questa edizione, per quanto fatto nel corso della stagione 2015-16, è stato Maurizio Sarri il quale, dopo essersi aggiudicato in passato la Panchina d’Argento per quanto fatto in Serie B con l’Empoli nell’annata 2013-14, entra per la prima volta nel novero dei grandi tecnici che sono stati in grado di aggiudicarsi l’ambito riconoscimento.

Sarri è riuscito ad imporsi nonostante il suo Napoli nella scorsa stagione non sia riuscito ad imporsi in campionato, impresa questa rara negli ultimi anni visto che, l’ultimo a riuscirci, fu Francesco Guidolin per quanto fatto con l’Udinese nel torneo 2010-11.

Quello assegnato al tecnico partenopeo è però un premio assegnato per quanto proposto in termini calcistici dalla sua squadra. I numeri infatti non mentono e raccontano di un Napoli che, sotto la sua guida, ha fatto enormi passi in avanti sotto diversi punti di vista, il tutto proponendo il più bel calcio in Italia.

Dall’arrivo di Sarri, la compagine azzurra è quella che ha segnato più goal in Serie A (148 contro i 147 della Roma e i 134 della Juventus), è quella che ha tirato di più in assoluto (1159 conclusioni) ed è anche quella che ha fatto più possesso palla (62%).

Se da un punto di vista prettamente legato ai risultati la Juventus di Allegri (secondo classificato dopo il trionfo di un anno fa che ha bissato quello del 2009), è stata la qualità del gioco a consentire a Sarri di prevalere nelle preferenze dei suoi stessi colleghi.

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità