Panchina Roma, il sogno resta Emery ma Baldissoni incontra Mancini

Roberto Mancini torna ad allenare una squadra estera: il tecnico è stato fotografato con il CEO di Gazprom, proprietaria dello Zenit San Pietroburgo.

Unai Emery il sogno, Roberto Mancini una concreta possibilità. Questo ad oggi è il quadro per la panchina della Roma che, al termine del campionato, verrà liberata da Luciano Spalletti.

L'attuale tecnico infatti terrà fede alla promessa di lasciare nel caso in cui non fosse riuscito a portare nella Capitale neppure un trofeo, possibilità di fatto definitivamente tramontata la scorsa settimana dopo il pareggio casalingo contro l'Atalanta.

In pole per la sua successione, secondo quanto scrive 'Il Corriere dello Sport', resta ovviamente Unai Emery fortemente sponsorizzato dal nuovo direttore sportivo Monchi che ben lo conosce dai tempi di Siviglia.

Al momento però il tecnico non sembra così convinto di lasciare il PSG dopo una sola stagione e specie se dovesse riuscire a vincere la Ligue 1 l'addio tra le parti non sarebbe scontato.

Ecco perchè intanto Baldissoni a Roma tiene in caldo il piano B o meglio M dato che l'alternativa a Emery è stata individuata in Roberto Mancini.

L'ex allenatore, tra le altre, di Lazio e Inter nei giorni scorsi avrebbe incontrato l'amministratore delegato giallorosso mentre venerdì è stato nuovamente avvistato dalle parti dello studio Tonucci.

Più defilato a questo punto il nome di Eusebio Di Francesco, ex cuore giallorosso che tanto bene ha fatto in questi anni al Sassuolo ma il cui sogno di allenare la Roma non pare destinato a concretizzarsi neppure questa volta.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità