Paola Ferrari: 'Galeazzi era unico, si prendeva in giro senza mai perdere la sua autorevolezza'

·2 minuto per la lettura

'''Galeazzi era un giornalista assolutamente fuori dagli schemi. E' l'unico che è stato capace di scherzare e prendersi in giro senza mai perdere un filo quella autorevolezza che aveva come giornalista e questo è molto difficile nel nostro ambiente. Riusciva a unire la professionalità al gioco che faceva, per esempio, a 'Domenica In' con Mara Venier. Non c'è riuscito nessun altro!''. Così Paola Ferrari con l'Adnkronos ricorda Giampiero Galeazzi, scomparso oggi a 75 anni. "Giampiero aveva un carattere molto forte fuori delle telecamere - racconta la giornalista - noi abbiamo avuto uno scontro anche recentemente ma lui era così, era diretto e senza filtri. Abbiamo discusso e questo mi questo mi è dispiaciuto un po' ma dopo ci siamo sentito al telefono e ci siamo chiariti''.

''Avendo avuto la fortuna di aver lavorato tanto con lui - prosegue la Ferrari - posso dire che quello che mi ha più colpito è che lui era scevro da ogni tipo di banalità. Riusciva in tutto quello che faceva, anche durante le partite meno importanti dove c'erano personaggi meno di spicco, a non dire mai banalità. Abbiamo condotto un Mondiale insieme con Maurizio Costanzo, io li chiamavo 'La strana coppia' - ricorda con nostalgia - e devo dire che era un giornalista unico. Aveva una grande sintonia con Costanzo, erano due persone così diverse ma entrambe geniali''. Quale era la trasmissione a cui era più legato Galeazzi? "Sicuramente '90° minuto' - risponde la Ferrari - mi ricordo che quando glielo tolsero ci rimase molto male ma poi quando è tornato anni dopo gli dissi: 'Vedi? Alla fine le cose tornano al loro posto'''.

La Ferrari ricorda poi un aneddoto divertente: ''Una sera ci hanno tirato un gavettone. Era una finale di Coppa Italia, aveva vinto l'Inter e Materazzi ci arrivò alle spalle e ci tirò un gavettone, lui (Galeazzi, ndr) poverino prese molto freddo''. La giornalista infine conclude: "Anche se da tempo non stava bene, tutte le volte che partecipava a qualche trasmissione, notavo sempre in lui quella lucidità nell'esprimere i suoi concetti e quel suo non essere mai banale. Riusciva a dare sempre spunti di discussione e di riflessione. E' stato lucido e acuto fino alla fine, non si è mai lamentato per la sua malattia, con lui perdiamo un giornalista unico''.

(di Alisa Toaff)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli