Paradosso Pau Lopez: incerto ma decisivo. Cosa deve fare adesso la Roma?

Omar Abo Arab
·1 minuto per la lettura

Le prestazioni di Pau Lopez con la maglia della Roma, sin da quella maledetta papera nel derby con la Lazio del gennaio 2020, continuano ad avere un andamento fortemente schizofrenico. Errori marchiani tra i pali alternati a prestazioni clamorose, soprattutto quella di ieri in casa dell'Ajax nella vittoria 2-1 dell'andata dei quarti di finale di Europa League. Una prestazione da 8 in pagella, con un rigore parato (il primo in maglia giallorossa sin dal suo arrivo) e almeno tre interventi decisivi.

Il rigore parato da Pau Lopez a Tadic | Dean Mouhtaropoulos/Getty Images
Il rigore parato da Pau Lopez a Tadic | Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

L'unica costante che rimane, per Pau Lopez, è l'imprecisione nel rilancio con i piedi, proprio uno dei motivi che spinse l'allora ds giallorosso a portarlo alla Roma. A parte questo problema, il destino dello spagnolo fino ad oggi sembrava assolutamente segnato: cessione, senza se e senza ma, provando a recuperare il più possibile dei 26 milioni di euro spesi per prenderlo dal Betis. Dopo la gara di ieri qualcuno può chiedersi "E ora? È ancora giusto cederlo?".

Pau Lopez decisivo su Brobbey | BSR Agency/Getty Images
Pau Lopez decisivo su Brobbey | BSR Agency/Getty Images

Probabilmente è la classica domanda da un milione di dollari (o 26 milioni di euro), a cui al momento è difficile rispondere. Allo stato delle cose sarebbe meglio cercare di arrivare ad un portiere che dia maggior sicurezza al reparto e sia meno avvezzo agli errori, ma per avere la certezza di cosa fare, se tenerlo o meno, forse è meglio attendere la fine di una stagione che può ancora regalare una gioia alla Roma.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Roma e della Serie A.