Paris trionfa a Bormio, la discesa libera è sua

webinfo@adnkronos.com

E' un Dominik Paris stellare nella sua Bormio. Su una Stelvio ghiacciata e impegnativa al massimo (l'austriaco Vincent Kriechmayr perde uno sci e resta incredibilmente in piedi) l'italiano riesce a dare 42 centesimi all'austriaco Matthias Mayer, autore di una discesa libera definibile vittoriosa almeno finché non è sceso l'azzurro. Mayer poi slitta al terzo post con l'ottima prestazione di Beat Feuz (Svizzera) che rosicchia 2 centesimi all'austriaco (+0,39 da Paris).  

Potenza e equilibrio, solo una microscopica esitazione a metà percorso ma sci praticamente piatti sempre e gioco di gambe da Ironman, Paris vince la sua gara di Coppa del mondo numero 17. In cima alla classifica italiana di sempre (188 gare vinte dagli azzurri) c'è l'irragiungibile Alberto Tomba con 50 vittorie, poi Gustav Thoeni (24), quindi Paris al terzo posto con 13 vittorie in discesa e 4 in supergigante. 

Gli altri azzurri in gara a Bormio hanno lottato, senza tuttavia riuscire a strappare piazzamenti importanti, eccezion fatta per Mattia Casse. Il piemontese prosegue il suo percorso di crescita, stavolta con un diciottesimo posto a 2"19. Emanuele Buzzi è finito a 3", fuori dalla zona punti Peter Fill (alla presenza numero 350 in carriera e festeggiato al traguardo da tutta la famiglia) a 3"10, Matteo Marsaglia a 3"46. La classifica generale aggiornata vede Henrik Kristoffersen al comando con 379 punti, seguito da Paris con 349 e Aleksander Kilde con 344.  

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...