Partita del cuore, Juve femminile apre sfida con Nazionale cantanti

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·2 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

La Juventus femminile in campo nella Partita del cuore. Saranno le bianconere, campionesse d'Italia, ad aprire il match in programma stasera contro la Nazionale cantanti e a dare un segnale dopo le polemiche per il caso di sessismo che ha coinvolto Aurora Leone, componente dei The Jackal.

"Il grande appuntamento dell’Allianz Stadium di questa sera, la Partita del Cuore 2021, avrà uno “start” molto particolare. Saranno le Juventus Women a giocare per la prima parte della serata contro la Nazionale Italiana Cantanti, per raccogliere fondi in favore della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro. Fin dalla loro nascita, le Juventus Women hanno svolto un ruolo fondamentale nella rottura delle barriere e degli stereotipi, e lo hanno fatto con eleganza e classe, intraprendendo un viaggio che le ha portate a vincere, finora, sette trofei in quattro anni", annuncia la Juve.

"La loro lotta per l’uguaglianza e contro la discriminazione continua, e continuerà anche questa sera, come testimonia la loro presenza alla Partita del Cuore -si legge su juventus.com-. Le Campionesse d’Italia, per l’occasione guidate da Sinisa Mihajlovic in panchina, giocheranno i primi minuti della partita dell’Allianz Stadium, dopodiché scenderà in campo, sempre contro la Nazionale Italiana Cantanti, il team dei Campioni per la Ricerca".

MORACE - "Quello che è successo ad Aurora dei The Jackal alla vigilia della Partita del Cuore, che andrà in scena martedì 25 all'Allianz Stadium di Torino tra Nazionale Cantanti e la squadra dei Campioni per la Ricerca, è davvero inaccettabile! Le donne non possono giocare a calcio? Chiedetelo alle mie ragazze che per raggiungere i loro sogni, ogni giorno, si sono presentate al campo di allenamento dopo 8 ore di lavoro". Così su Instagram Carolina Morace, allenatrice della Lazio Women e leggenda del calcio azzurro.

"Ditelo alle bambine di 6 anni che per la prima volta indossano le loro scarpette per calciare un pallone. Ditelo a chi come me ogni giorno si ritrova a leggere questi commenti beceri. La realtà è una sola probabilmente, ci troviamo in un momento storico in cui parliamo del politically correct quando in realtà la mentalità di certi individui è ancora ferma a decenni fa!", aggiunge Morace.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli