Pasqua in zona rossa: cosa si può fare, cosa no

·4 minuto per la lettura
(AP Photo/Luca Bruno)
(AP Photo/Luca Bruno)

Da lunedì 29 marzo entrano in vigore le ordinanze sulle nuove fasce di rischio. Il Lazio, però, torna arancione dal 30 marzo. Fino al 2 aprile l'Italia sarà ancora divisa in colori in base alla fascia di rischio legata alla situazione coronavirus. Invece, nei giorni 3-4 e 5 aprile tutta la Penisola sarà zona rossa. Si potrà fare visita a parenti e amici, ma non più di due persone. Niente spostamenti da una Regione all'altra, per le seconde case dipende dalle singole ordinanze locali.

LEGGI ANCHE: Zona rossa e arancione, nuova mappa di colori: cosa cambia

Il 7 aprile entra in vigore il nuovo decreto che durerà fino al 30 aprile confermando le misure attuali, compresa la sospensione della fascia gialla.

LEGGI ANCHE: Decreto Sostegno 2021, domanda dal 30 marzo: cosa c'è da sapere

Ecco tutte le regole e i divieti in vigore:

Dal 29 marzo fino al 2 aprile in tutta Italia si può uscire dalla propria regione soltanto per motivi di lavoro, salute e urgenza. Ci si potrà recare nelle seconde case, ma potrà farlo solo il nucleo familiare e solo dimostrando di averne titolo da prima del 14 gennaio 2021. La casa non deve essere abitata da altri. Attenzione: alcune Regioni hanno vietato o limitato gli ingressi ed è consentito arrivare solo per motivi di lavoro, necessità e urgenza.

In particolare: in Alto Adige è vietato andare nella seconda casa se non si è residenti. In Campania il divieto è in vigore anche per i residenti nella regione, idem in Puglia. In Toscana è vietato l'ingresso ai non residenti, idem in Valle d’Aosta. In Sardegna possono entrare solo i residenti, ma bisogna esibire un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti o il certificato di avvenuta vaccinazione anti Covid. Anche in Sicilia è richiesto un tampone negativo effettuato 48 ore prima dell’arrivo. 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Le chiusure pasquali saranno l'ultimo sacrificio per battere il covid?

Dal 29 marzo al 2 aprile nelle "zone arancioni" si torna a scuola fino alla terza media. Bar e ristoranti sono chiusi ed è consentito solo l’asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio. I negozi restano aperti, ma non si può uscire dal proprio Comune di residenza. Si può fare visita a parenti e amici, ma una sola volta al giorno e massimo in due adulti con minori di 14 anni.

Dal 29 marzo al 2 aprile in zona rossa scuole chiuse e didattica a distanza. Anche negozi, bar e ristoranti sono chiusi, ma è consentito l’asporto fino alle 18 dai bar e fino alle 22 dai ristoranti. Sì anche alla consegna a domicilio. In questi giorni è vietato recarsi da parenti e amici e si può uscire di casa soltanto per motivi di lavoro, salute e urgenza. Sarà consentito fare attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva individuale all’aperto. Si può uscire anche dal proprio Comune con la bici o facendo jogging o corsa. 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Covid, tutta Italia in zona rossa a Pasqua, dal 3 al 5 aprile

Dal 3 al 5 aprile tutta l'Italia sarà zona rossa: vietato uscire dalla propria abitazione se non per motivi di lavoro, salute, urgenza. Consentite le visite ad amici e parenti, ma una sola volta al giorno e al massimo in due adulti con minori di 14 anni. Ci si potrà recare nelle seconde case con le stesse limitazioni previste nei giorni precedenti.

Il 6 aprile la zona rossa non sarà più estesa a tutta l'Italia. Si potrà uscire dalla propria regione soltanto per motivi di lavoro, salute, urgenza e ci si potrà recare nelle seconde case, ma solo il nucleo familiare e dimostrando di averne titolo da prima del 14 gennaio 2021. La casa non deve essere abitata da altri.
Restano in vigore, comunque, le ordinanze di Toscana, Valle d’Aosta, Puglia, Alto Adige e Campania, Sardegna e Sicilia. 

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Pasqua in era Covid, cosa si può fare?

Nelle zone in fascia arancione il 6 aprile bar e ristoranti restano chiusi ed è consentito l’asporto fino alle 18 dai bar e fino alle 22 dai ristoranti e la consegna a domicilio. I negozi sono aperti, ma non si può uscire dal proprio Comune di residenza. Restano consentite le visite a parenti e amici una sola volta al giorno e al massimo in due adulti con minori di 14 anni.

Nelle zone che, invece, sono in fascia rossa il 6 aprile negozi, bar e ristoranti sono chiusi ed è consentito l’asporto fino alle 18 dai bar e fino alle 22 dai ristoranti e la consegna a domicilio. Vietate le visite a parenti e amici e si può uscire di casa solo per motivi di lavoro, salute e urgenza. Resta comunque consentita l'attività motoria nei pressi della propria abitazione e l'attività sportiva individuale all’aperto (si può uscire anche dal proprio Comune in bici o di corsa).

LEGGI ANCHE: Le previsioni del tempo per Pasqua