Pasquetta amara per Zola: si dimette da allenatore del Birmingham

A novembre fu vicinissimo all'Inter per sostituire De Boer, poi arrivò l'approdo al Birmingham: oggi Gianfranco Zola si dimette dall'incarico.

Gianfranco Zola non è più l'allenatore del Birmingham City. Come comunica lo stesso club dal proprio profilo di Twitter, l'allenatore italiano si è dimesso dopo la sconfitta odierna contro il Burton. La squadra occupa attualmente la 20esima posizione in Championship e rischia seriamente la retrocessione in terza divisione. 

"Ho deciso di dare le dimissioni - ha detto Zola ai media - Mi dispiace, perché sono venuto a Birmingham con grandi aspettative. Sfortunatamente, i risultati non sono stati buoni e di questo mi assumo la piena responsabilità. Non lo faccio perché mi fa piacere lasciare la squadra, ma credo che il Birmingham meriti di meglio. Se sento di non poter più aiutare la squadra perché rimanere? E' meglio che vada via e permetta a qualcun altro di farlo".

La delusione è grande per l'ex fantasista del Chelsea... "Mi dispiace davvero tanto - ha concluso Zola - E' qualcosa che mi fa davvero male. Abbiamo lavorato con grandi proprositi e volontà di far bene, ma sfortunatamente questo non ha prodotto i risultati sperati. Tutto questo è davvero deludente".

L'esperienza al Birmingham di Gianfranco Zola e del suo vice, Pierluigi Casiraghi, è durata quindi solo quattro mesi, visto che era in carica da dicembre. L'andamento della squadra ha percorso lo stesso tragitto di una pallina su un piano inclinato, scendendo inesorabilmente verso la zona retrocessione, che dista adesso solo tre punti. Al momento la prima squadra virtualmente retrocessa è il Blackburn, altro club storico del calcio inglese. 

A dicembre il Birmingham ha deciso di esonerare Gary Rowett, che però occupava la settima posizione e aveva buone possibilità quanto meno di sperare nella lotta per la qualificazione alla Premier League. Le cose non sono andate secondo i piani di Zola e del club inglese, con sole due vittorie conquistate in quattro mesi di gestione. 

E pensare che prima della scelta di Stefano Pioli, Zola è stato vicinissimo a firmare con l'Inter dopo l'esonero di Frank De Boer. Poteva diventare l'allenatore del nuovo ciclo, sotto la guida del gruppo cinese di Suning. Tutto però saltò con i nerazzurri che scelsero l'ex allenatore della Lazio. Qualche settimana fa, Pierluigi Casiraghi ha confermato come mancasse davvero poco per la firma con l'Inter.

Circa un mese dopo, a dicembre, arriva la proposta del Birmingham e da lì cambia tutto, come vi abbiamo raccontato sopra. Adesso la squadra inglese è già alla ricerca di un nuovo allenatore per tentare la risalita in classifica ed evitare la retrocessione. 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità