Patto tra Cristiano Ronaldo e Agnelli, ma nessuna clausola in caso di mancata Champions: il retroscena

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

La Juventus stasera sfiderà il Bologna in una sfida molto importante. Tutto in 90 minuti per i bianconeri che devono vincere e sperare che una tra Napoli e Milan non vinca, rispettivamente contro Verona in casa e Atalanta fuori, per andare in Champions League.

La partita di stasera determinerà anche il futuro di molti dei protagonisti del Dall'Ara, a cominciare da Cristiano Ronaldo. Il portoghese ha ancora un anno di contratto da 31 milioni netti, però non vuole giocare l'Europa League.

Cristiano Ronaldo, Andrea Agnelli | Jonathan Moscrop/Getty Images
Cristiano Ronaldo, Andrea Agnelli | Jonathan Moscrop/Getty Images

Ecco perché, qualificarsi in Champions, diventa elemento vitale per la società bianconera e per il futuro dei protagonisti di oggi. Stando a quanto riferito da La Repubblica, se la Juve non dovesse centrare l'obiettivo Champions League, sarà costretta a salutare Cristiano Ronaldo. Esiste una sorta di patto d'onore tra le parti in causa. Nel suo contratto non esiste una clausola che gli consenta di svincolarsi dalla Champions, ma avrebbe una sorta di patto d’onore con Agnelli che in caso di mancata qualificazione alla Champions, dunque in caso di mancato arrivo nei primi 4 posti della classifica di Serie A, lo lascerebbe andare via.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli