Paura per Luca Tommassini: "Mi hanno puntato la pistola in faccia"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Luca Tomassini al Festival di Venezia 2020 (Photo by Stefania D'Alessandro/WireImage)
Luca Tomassini al Festival di Venezia 2020 (Photo by Stefania D'Alessandro/WireImage)

Attimi di vero terrore per Luca Tommasini. Il celebre coreografo, che ha lavorato al fianco di tante stelle del pop mondiale tra cui Madonna e Michael Jackson, è stato vittima di un tentativo di furto con scasso nella sua casa di Trastevere a Roma. Alle 23 di domenica 25 ottobre, allo scattare del coprifuoco, il ballerino si è trovato di fronte a un gruppo di rapinatori prima sulla porta di casa e poi sull'ingresso del condomino.

LEGGI ANCHE: Paura per Luca Toni, l'ex calciatore rapinato in casa

GUARDA ANCHE - Napoli, rapinatore 17enne ucciso

Dopo essere fuggito per le scale, secondo quanto raccontato dallo stesso artista all'Ansa - Tomassini è stato immobilizzato da due rapinatori che gli hanno puntato una pistola in faccia e alla gola: "Avevano un borsone, accette, picconi, e non so che altro, mi spingevano, strattonavano - spiega, ancora sotto shock, il 50enne - Li ho supplicato di non uccidetemi, mi hanno puntato la pistola alla gola. Poi sono arrivate per fortuna le volanti, ma sono stato un'ora in balia di questi folli”. A Luca Tommasini è stato rubato il cellulare, insieme alle chiavi di casa e dell'allarme.

GUARDA ANCHE - Kim Kardashian e la rapina: “Credevo sarei morta”