Pavoletti-Napoli, l'uomo giusto al momento sbagliato: il futuro è un'incognita

Leonardo Pavoletti è stato sfortunato, il classico uomo giusto nel momento sbagliato. Il Napoli l'ha voluto fortemente, al punto da chiudere l'operazione con il Genoa già ad inizio dicembre a fronte di un investimento importante. Da lì a qualche giorno, Dries Mertens avrebbe segnato 10 reti nel giro di due settimane, esplodendo definitivamente nel ruolo di centravanti. Quello per il quale era stato acquistato Pavoletti.

L'esperienza dell'ex Genoa in azzurro, ad oggi, è ingiudicabile. Si è trovato subito chiuso, con Mertens sorprendentemente in stato di grazia e la necessità di dover gradualmente rilanciare Milik in vista della prossima stagione. Sarri è riuscito a concedergli in tre occasioni la maglia da titolare e qualche spicciolo di partita qua e là. Ma calendario e gerarchie interne non hanno consentito un minutaggio maggiore.

Quando impiegato, tra l'altro, Pavoletti ha dato l'impressione di essere un pesce fuor d'acqua nel tridente del Napoli, a metà tra un comprensibile periodo d'adattamento ad un nuovo tipo di calcio e la difficoltà ad inserirsi in meccanismi tarati sulle caratteristiche - diametralmente opposte - di Dries Mertens.

Pavoletti

In vista della prossima annata, tra le valutazioni da fare in casa Napoli, non può non esserci anche quella relativa futuro di Leonardo Pavoletti, inevitabilmente in discussione nonostante siano passati soltanto pochi mesi dal suo acquisto e i 16 milioni sborsati per lui.

Milik vorrà riprendersi ciò che il destino gli ha tolto, Mertens - in caso di permanenza, sempre più probabile - resterà più da centravanti che da esterno. Il ruolo di terza scelta al centro dell'attacco rischia di essere deleterio sia per il giocatore (tra l'altro impeccabile sul piano del comportamento in questi mesi) che per lo stesso Napoli.

Pavoletti a Genova ha dimostrato di poter essere un attaccante da grande rendimento in Serie A, di quelli che hanno sempre mercato in Italia. Lui ha bisogno di giocare, il Napoli ha bisogno di un attacco completo e vario, di livello nei titolari e nelle alternative. L'estate offre una grande occasione ad entrambi.

Segui Sergio Chesi su

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità