Per Hakimi non c'è solo il PSG: sull'esterno dell'Inter spunta un'altra big europea

·1 minuto per la lettura

In casa Inter l'argomento è sempre uno, ed è il mercato. Ma prima che in entrata si parla di quello in uscita, con l'ormai famigerato top player da cedere entro fine giugno per chiudere la sessione di mercato con un attivo di quasi 100 milioni di euro dopo la spending review imposta da Suning e Steven Zhang. Il primo indiziato a lasciare Appiano Gentile resta sempre Achraf Hakimi, l'unico calciatore che può portare offerte concrete (e soprattutto alte) già in questo mese.

Achraf Hakimi | Maurizio Lagana/Getty Images
Achraf Hakimi | Maurizio Lagana/Getty Images

Il forte interesse del Paris Saint Germain è ormai arcinoto, così come l'offerta da 60 milioni di euro recapitata da Leonardo sul tavolo di Beppe Marotta. Una cifra giudicata bassa dal club nerazzurro che punta a cedere l'esterno marocchino per almeno 75 milioni di euro, chiaramente solo cash e senza contropartite tecniche. La speranza dell'Inter è quella che si possa scatenare un'asta al rialzo a livello europeo e l'inserimento del Chelsea, come rivelato dalla Gazzetta dello Sport, può far proseguire la strada in questo senso.

Emerson Palmieri | Claudio Villa/Getty Images
Emerson Palmieri | Claudio Villa/Getty Images

I Blues neo campioni d'Europa hanno già provato ad inserire nell'affare Emerson Palmieri, seguito in passato e tuttora nei radar mercato dei nerazzurri, e il difensore danese Andreas Christensen per provare ad abbassare la parte cash. E l'Inter, nel ribadire che condurrà trattative per Hakimi in cambio solo ed esclusivamente di soldi, potrebbe tornare alla carica per l'esterno brasiliano in un secondo momento con una trattativa slegata da quella per l'ex Real Madrid, in attesa di un altro rilancio da parte del PSG.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli