Per la Lazio avanza la candidatura dello stadio "Flaminio": le mosse di Lotito

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Nella Capitale non c'è solo la Roma alle prese con la volontà di giocare in un impianto di proprietà. Anche la Lazio si è iscritta alla corsa per il nuovo stadio, anche se i biancocelesti non avrebbero intenzione di costruirne uno ex novo come i giallorossi.

Vista interna dello Stadio Olimpico | Paolo Bruno/Getty Images
Vista interna dello Stadio Olimpico | Paolo Bruno/Getty Images

Per la Lazio, infatti, sta avanzando velocemente la candidatura dello Stadio "Flaminio", storico impianto nel cuore di Roma costruito negli anni '30 e progettato dall'architetto Pier Luigi Nervi: dopo aver ospitato le partite dell'allora terza squadra della Capitale, la Lodigiani, e poi le gare della Nazionale italiana di Rugby, l'impianto a forma di "navicella" è poi caduto tristemente in disuso. Tanti i progetti di riqualificazione presentati nel frattempo, ma mai realmente presi in considerazione, per una storia che però può cambiare - in meglio - con l'interesse palesato dal presidente della Lazio Claudio Lotito. Lo ha rivelato l'edizione odierna de Il Messaggero, spiegando come il patron biancoceleste abbia visitato l'impianto (quello che ne resta) in prima persona, promettendo di tornarci con un pool di esperti per capire come superare i vincoli storici e archeologici imposti dal Campidoglio.

Al momento si tratta di un progetto preliminare, visto che rendere moderno il Flaminio costerebbe più che ricostruirlo da capo. Ma la volontà di Lotito di regalare un nuovo stadio ai suoi tifosi, ad ogni modo, sta emergendo con chiarezza.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli