Per la prima volta nella storia nessun giocatore del Real Madrid è stato convocato nella Spagna

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·4 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Le convocazioni della Spagna per gli Europei imminenti sono storiche. Luis Enrique, infatti, ha operato una scelta rivoluzionaria: per la prima volta da quando esordì nel Mondiale del 1934, la Roja giocherà una competizione internazionale senza avere in squadra uno o più calciatori del Real Madrid. Infatti, queste sono le scelte del tecnico spagnolo (come riportato da Rivista 11): Unai Simón (Athletic), David de Gea (Manchester United), Robert Sáchez (Brighton); José Gaya (Valencia), Jordi Alba (Barcellona), Pau Torres (Villarreal), Aymeric Laporte (Manchester City), Eric García (Manchester City), Diego Llorente (Leeds United), César Azpilicueta (Chelsea); Sergi Busquets (Barcellona), Rodri (Manchester City), Pedri (Barcellona), Thiago Alcántara (Liverpool), Koke (Atlético Madrid), Fabián Ruiz (Napoli), Marcos Llorente (Atlético Madrid); Dani Olmo (Lipsia), Oyarzabal (Real Sociedad), Alvaro Morata (Juventus), Gerard Moreno (Villarreal), Ferrán Torres (Manchester City), Adama Traoré (Wolverhampton), Sarabia (Psg).

Esclusione clamorosa è quella di Sergio Ramos, in nazionale dai Mondiali del 2006. Così Luis Enrique ha commentato la non convocazione del capitano del Real e della Spagna: "Voglio fare una menzione speciale per il nostro capitano, Sergio Ramos. Non ha potuto competere in condizioni adeguate in questa stagione, specialmente dal mese di gennaio. Non si è neanche potuto allenare insieme al gruppo. Quest'esclusione è stata difficile e dura, mi dispiace perché Ramos è sempre stato al massimo livello, è un grande professionista e ha aiutato la Nazionale ogni volta che ha giocato, così come potrà farlo ancora in futuro. Io però cerco di beneficiare il collettivo. Gli ho consigliato di essere egoista e di pensare solo a rimettersi al 100%".

Sergio Ramos ha voluto prontamente rispondere a Luis Enrique con un tweet, nel quale ammette che, nonostante ci abbia provato fino all’ultimo e che faccia male non poter difendere la Spagna, rimanere a casa per rimettersi in forma è la scelta migliore. E ovviamente continuerà a tifare la sua squadra da casa.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Oltre a Ramos, il CT spagnolo ha lasciato a casa altri giocatori del Real Madrid tra cui Dani Carvajal (anche per lui la stagione è stata piena di infortuni), Nacho, Asensio, Odriozola, Isco e Lucas Vázquez. Questi calciatori militavano nel giro della Nazionale da tempo, anche se non tutti venivano regolarmente convocati.

La decisione, come già detto, ha dell’incredibile. Ripercorrendo la storia della Spagna nelle competizioni internazionali, vediamo come giocatori del Real siano sempre stati presenti. Nell’esordio assoluto ai Mondiali del ’34 ce ne erano 5, alla Coppa del Mondo del 1950 solo uno, mentre nel Mondiale del ’62 si vola a sette. Per gli Europei vinti nel 1964, Villalonga portò in Nazionale quattro giocatori del Real, che salirono a sei nel mondiale di due anni dopo. Cinque furono in Argentina nel 1978, altrettanti ne convocò al Mondiale casalingo José Santamaria (mito del Real degli anni ’50), mentre scesero a quattro negli Europei del ’84 e risalirono a sette nell’86. Furono agli Europei dell’88 che Munoz (altro simbolo del Real) convocò un numero record di madridisti, arrivando a otto. A Italia 90, invece, Luis Suarez scese a sei e il numero calò ulteriormente ai Mondiali del 1994 con tre convocati dei Real. Siamo dunque agli Europei del 1996, con Clemente che si presentò con cinque giocatori dei Blancos che, nei Mondiali successivi, divennero quattro.

La formazione spagnola a Euro 2008 | Clive Brunskill/Getty Images
La formazione spagnola a Euro 2008 | Clive Brunskill/Getty Images

Iniziano dunque gli anni duemila, con cinque giocatori del Real convocati sia negli Europei del 2000 che nei Mondiali del 2002. Nel 2004 e 2006 si scese a quattro. Alla vittoria degli Europei del 2008 contribuirono Casillas e Sergio Ramos, gli unici convocati dei blancos, mentre per il successo ai Mondiali c’erano pure Albiol, Xabi Alonso e Arbeloa, portati poi anche a Euro 2012. Casillas, Xabi Alonso e Sergio Ramos vennero convocati anche nel 2014, due anni dopo invece solo Ramos con Lucas Vasquez. Ultima competizione disputata sono i MOnidali 2018, con la chiamata per Carvajal, Nacho, Lucas Vázquez, Isco e Asensio, oltre a Sergio Ramos.

Di particolare nelle convocazioni per il prossimo Europeo non c’è solo l’assenza dei giocatori del Real Madrid. Il Barcellona è riuscito a piazzare solo tre giocatori in rosa: Pedri e gli eterni Busquets e Jordi Alba. Stessa cosa per l’Atletico campione di Spagna, dove il numero scende addirittura a due con Koke e Llorente. Gli altri 19 giocatori provengono da campionati esteri, soprattutto dalla Premier League: quattro dal Manchester City, uno da Liverpool, Manchester United, Wolverhampton, Leeds United e Brighton.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli