Perché il Milan non comprerà attaccanti al posto di Piatek

Goal.com
Il Milan saluterà Piatek senza sostituirlo. L’arrivo di Ibrahimovic e la duttilità di Leao, Rebic e Castillejo offrono ampie garanzie a Pioli.
Il Milan saluterà Piatek senza sostituirlo. L’arrivo di Ibrahimovic e la duttilità di Leao, Rebic e Castillejo offrono ampie garanzie a Pioli.

Quando il 23 gennaio 2019 il Milan ha annunciato l’acquisto di Krzysztof Piatek , in pochissimi avrebbero probabilmente immaginato che appena un anno dopo l’attaccante polacco avrebbe lasciato la compagine rossonera per ripartire dall’ Hertha Berlino .

Il club meneghino infatti si era assicurato non solo un bomber che fino a quel momento aveva fatto cose straordinarie nella sua prima metà di stagione italiana con il Genoa , tanto da guadagnarsi le attenzioni di tutti i top club europei, ma anche un gioiello al quale affidare la sua maglia numero nove oltre che il ruolo di leader assoluto del reparto offensivo per gli anni a venire.

Per Piatek le cose al Milan non sono in realtà andate come previsto e se l’inizio di avventura all’ombra del Duomo è stata più che incoraggiante, gli ultimi mesi sono scivolati via tra pochi guizzi, pochissimi goal (appena 5 in 20 partite complessive) e tanta panchina.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Il Milan da oggi andrà avanti senza colui che nelle intenzioni doveva essere il bomber del futuro e lo farà senza cercare sostituti a gennaio.
 
Il suo posto in rosa è nei fatti già stato preso dal campione che con il suo arrivo ha oscurato definitivamente, almeno in rossonero, la stella di Piatek: Zlatan Ibrahimovic . Nonostante le 28 primavere, il fuoriclasse svedese ha già ampiamente dimostrato di poter rivestire un ruolo da leader assoluto dentro e fuori dal campo. Ha già trovato la rete in campionato (alla seconda delle quattro presenze contro il Cagliari) e in Coppa Italia (contro il Torino) e soprattutto ha già permesso con la sua capacità di reggere da solo il peso dell’attacco e con la sua personalità di far compiere un deciso balzo in avanti ad una compagine che prima del suo arrivo era in evidente crisi di risultati e non solo.

Il reparto offensivo del Milan oggi comprende, oltre a Ibrahimovic, anche Rafael Leao , Rebic e Castillejo , tutti elementi che fanno anche della duttilità un punto di forza.

Pioli è infatti convinto che Leao possa anche agire da prima punta e fungere quindi oltre che da spalla di Ibrahimovic, anche da vice-Ibra, mentre Rebic e Castillejo possono essere schierati sia da esterni che da seconde punte.

Se a ciò si aggiunge che con il passaggio al 4-4-2 anche Calhanoglu può in alcuni frangenti di gara e a seconda della situazione di risultato che si è venuta a creare, giocare a ridosso della punta centrale, ecco che la convinzione in casa rossonera che l’attacco sia più che coperto diventa legittima.

I numeri d’altronde non mentono: dal ritorno di Ibra a Milano, Piatek ha visto pochissimo il campo. Alla ripresa del campionato, lo scorso 6 gennaio contro la Sampdoria, il polacco ha totalizzato i suoi ultimi 55’ in Serie A, prima di tre panchine consecutive. A sostituirlo nell’undici titolare è sempre stato Rafael Leao , con Rebic che è sempre entrato in corsa e posizionato da attaccante.

Di fatto quindi, il Milan sta già dimostrando nelle ultime settimane di poter rinunciare a Piatek e se Ibrahimovic è una certezza, i vari Leao, Castillejo e Rebic sono elementi che stanno mostrando quei progressi che hanno certamente reso meno amara la rinuncia al polacco.

Potrebbe interessarti anche...