Pescara-Roma 1-4: La Lupa condanna gli abruzzesi alla retrocessione

Se Roma e Napoli dovessero concludere il campionato a pari punti, i giallorossi sarebbero in vantaggio sui rivali per la classifica avulsa.

Inizia nel migliore dei modi la nuova era della Roma sotto la gestione Monchi. Seppur in un banco non proprio di prova, la squadra giallorossa ha dimostrato personalità e voglia di raggiungere l'ultimo obiettivo rimasto, il 2° posto. In questo senso decisivo il 4-0 maturato all'Adriatico, che consente alla 'Lupa' di portare a 4 i punti di vantaggio sul Napoli. Il Pescara , dal canto suo, saluta la Serie A con 5 giornate d'anticipo rispetto al termine del campionato.

Troppa la differenza tecnica in campo. I 15 tiri indirizzati verso Fiorillo non fanno altro che sottolineare l'enorme divario tra i due club, di fatti agli antipodi della classifica. Gli abruzzesi reggono finchè possono, nonostante l'epilogo sia chiaro dopo pochi minuti di gioco.

Eppure la gara si decide a cavallo tra i due tempi con Strootman che apre le danze al 44', Nainggolan che mette la sicura al 45' e Salah che la chiude definitivamente al 48'. Peccato per Zeman, che rispetto alla prima ed entusiasmente avventura al Pescara riesce solo a far valere la sua propensione ad incassare qualche goal di troppo.

I GOAL

44' STROOTMAN 0-1 - El Shaarawy viene servito in profondità e serve di prima intenzione verso il centro, dove trova l'olandese pronto a scagliare con potenza la palla in rete. .

45' NAINGGOLAN 0-2 - Situazione simile a quella che ha provocato il primo goal giallorosso ma diverso negli interpreti: questa volta è Dzeko a fare da rifinitore e Nainggolan a bucare la porta di casa.

48' SALAH 0-3 - Imbeccato da El Shaarawy, l'egiziano lascia partire un sinistro piazzato che s'infila all'angolino dove Fiorillo proprio non può arrivare.

60' SALAH 0-4 - Contropiede innescato da Salah che lancia a rete El Shaarawy, il quale, anziché calciare davanti a Fiorillo, riserve l'egiziano che ha vita facile a porta praticamente sguarnita.

83' BENALI 1-4 - Azione insistita di Memushaj sulla destra, il cui tiro viene deviato in rete sottomisura dal campagno di reparto.

I MIGLIORI

PESCARA: CAPRARI

Non vive certamente una serata positiva, ma rispetto ai compagni ci mette grinta e non molla fino al triplice fischio finale. Sfiora anche il goal della bandiera, con Szczesny che compie un grande intervento.

ROMA: SALAH

Che la sua sarà una grande partita si capisce dopo pochi istanti, quando si vede annullare il goal per fuorigioco. Quando cambia marcia diventa letteralmente imprendibile, la difesa del Pescara lo soffre in particolar modo.

I PEGGIORI

PESCARA: MUNTARI

Come al solito si mette in luce solo per interventi fallosi ed ingenui. Il cartellino giallo arriva anche oggi e Zeman non può che lasciarlo in panchina all'intervallo.

ROMA: DZEKO

Cerca insistentemente il goal, divorandosene un paio anche in maniera piuttosto eclatante. Il gesto di stizza al momento della sostituzione rappresenta il suo stato d'animo per non essere riuscito a segnare in un match dove hanno segnato praticamente tutti.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità