Peter Sagan difende Vincenzo Nibali

·1 minuto per la lettura

Nel corso di una diretta Instagram in cui ha risposto alle domande dei suoi tantissimi followers (quasi due milioni), Peter Sagan si è confessato a 360 gradi, partendo dalla sua prima partecipazione al Giro d'Italia. "Non conoscevo il Sud, ho scoperto posti nuovi, come la Sicilia o il Parco Nazionale dell'Abruzzo. E ho anche assaggiato piatti mai provati prima, come gli arancini a Palermo. Buonissimi. Quello che ricordo bene è il mal di gambe dei giorni successivi alla fine della corsa rosa. Partecipare ha reso più completo il mio essere corridore. E mi sono anche divertito. Non è stata ma mia miglior stagione ma non mi lamento". Sagan ha poi parlato di alcuni colleghi: "Ganna è un buon amico, può vincere tantissimo, ma non chiedetemi se può competere per la classifica di un grande giro, questo lo può sapere solo lui. Nibali ha fatto il massimo, è stato un anno strano per tutti e i veri tifosi non sono quelli che lo criticano. Froome? Il solo fatto di vederlo tornare dopo l'incidente che ha avuto gli rende onore. Van der Poel è fortissimo ma non credo piacerebbe neanche a lui essere mio compagno di squadra. Due chef in cucina sono troppi...".