Pioli: 'Chi si aspetta il Milan di Torino resterà deluso. Su Leao e il rinnovo...'

Cancellare Torino e riscrivere un pezzo di storia recente del Milan. Theo Hernandez e compagni hanno l’occasione di centrare la qualificazione agli ottavi di Champions League. Stefano Pioli presenta la gara contro il Salisburgo nella consueta conferenza stampa della vigilia.

Se far bene domani può riscattare le serate negative contro Chelsea e Torino: “Far bene domani significherebbe tanto, il nostro primo obiettivo lo avevamo bello chiaro in testa. Ci siamo costruiti questa possibilità, era immaginabile che se non avessimo vinto una partita col Chelsea l'ultima sarebbe stata decisiva. La squadra sa gestire ormai questi impegni così pesanti. Siamo delusi, ma ora è un'altra partita e siamo concentrati solo su domani".

Tonali ha detto che non dovete pensare che possa bastare un pari. Ha ragione? :"Ha ragione, noi non giochiamo così, non sappiamo risparmiarci, ma dobbiamo entrare in campo e attaccare. Non dobbiamo cambiare il nostro modo di giocare".

Su cosa le hanno detto i giocatori dopo il rinnovo: "Il merito è di tutti. Il club mi sta dando grande fiducia. Sono felicissimo del rinnovo. Ho ringraziato i giocatori perché senza di loro questo rinnovo non sarebbe stato possibile. Abbiamo iniziato il nostro percorso tre anni, ora ci teniamo tanto a passare il turno domani sera".

Su quali insidie ha allertato la squadra: "Sul fatto che dobbiamo mettere in campo la miglior prestazione possibile. Le altre son cose che conosciamo. Come le qualità degli avversari. Poi noi dobbiamo giocare con le nostre qualità, facendo attenzione alle scelte".

Sull'importanza delle tempistiche del rinnovo, dopo una sconfitta e prima di una grande partita: "Sì, ho apprezzato tanto di questa cosa qua. Non solo del fatto che il rinnovo sia stato più lungo dell'anno di opzione. È il segnale che c'è condivisione e voglia di continuare insieme per fare il Milan sempre più grande, con obiettivi importanti e ambiziosi. Ho apprezzato tutto, posso solo ringraziare proprietà e dirigenza. Mi sono sempre sentito stimato e per un allenatore è fondamentale".

Come ha visto Rafael Leao in questi due giorni: "L'ho visto bene, sorridente e concentrato. Abbiamo analizzato velocemente la partita, perché era facile. Se si aspettano di trovare lo stesso Milan di martedì resteranno delusi. Sta bene come sta bene tutta la squadra. Non ho bisogno di cose particolari per accentuare attenzione o spirito. La partita è già importante, ma è un privilegio vivere queste vigilie e queste pressioni".

Se il Milan può fare a meno di Rafael Leao anche solo per un tempo e se l'obiettivo è superare grandi allenatori per durata: "Rafael Leao è un grandissimo giocatore per caratteristiche e domani farà il massimo per farci vincere, non ho dubbi. Io ho fatto diventare un sogno la mia realtà, voglio gustarmela giorno dopo giorno e continuare il più a lungo possibile".