Pioli: "Ibrahimovic sta portando entusiasmo"

Adx

Roma, 10 gen. (askanews) - Stefano Pioli non si nasconde. "Non è questa la situazione che ci aspettavamo e non è quella che vogliamo. Dobbiamo trasformare la quantità, il volume di gioco, in qualità". Con un Ibrahimovic in più: "Zlatan si è allenato con entusiasmo. Sta bene. Non è pronto per novanta minuti. Starà a me decidere se dargli minuti da subito o a partita iniziata. Per fare novanta minuti gli ci vorrà del tempo, è naturale". Ma l'esperto Ibra potrebbe anche essere un consigliere speciale per il tecnico. "Tra un allenatore e un giocatore così importante, con una personalità così forte, è normale che ci sia un dialogo continuo. Anche per capire, visto che non ha giocato per un lungo periodo, che cosa serve a lui, a livello di preparazione e posizione sul campo. E' stato preso per far crescere la squadra sotto tanti punti di vista. E' al centro del progetto. Se è un consigliere importante per me? La prima cosa che mi ha detto Ibra è "io faccio il giocatore. Ecco, lui fa il giocatore e io faccio l'allenatore".

Cagliari avversario pericoloso. "Sta facendo un ottimo campionato anche se viene da risultati negativi, noi dobbiamo mettere in campo tutte le nostre energie per fare punti. Ho un rapporto così speciale con Maran che non posso dargli dei vantaggi dicendogli che cosa abbiamo preparato", scherza il tecnico del Milan. "Quello che so è che, al di là delle considerazioni sulle scelte dei singoli, dobbiamo essere propositivi e giocare con più intensità". Ibra piatto forte, ma il mercato sta scuotendo il Milan dalle fondamenta. "Piatek destinato a partire? Se potessi, ma credo che tutti gli allenatori lo farebbero, metterei le lancette dell'orologio avanti fino al 30 gennaio. Ma non dobbiamo farci distrarre dal mercato. Siamo troppo concentrati sul presente"

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...