Pioli: "Il Milan non meritava di uscire. I gol? Demeriti nostri più che qualità altrui"

Matteo Baldini
·1 minuto per la lettura

Il Milan esce dall'Europa League per mano del Manchester United, 0-1 a San Siro dopo l'1-1 dell'andata: Pogba, col suo gol, ha di fatto sancito l'addio rossonero all'Europa. Stefano Pioli, tecnico del Milan, ha parlato nel post-partita ai microfoni di Sky Sport. Queste le parole dell'allenatore:

"L'eliminazione dispiace perché abbiamo giocato da grande squadra, abbiamo fatto tanto e penso che la squadra meritasse, non ci siamo riusciti"

Le indicazioni di Pioli | MARCO BERTORELLO/Getty Images
Le indicazioni di Pioli | MARCO BERTORELLO/Getty Images

I gol dello United: "Parliamo di una squadra molto forte, che ha battuto anche il City, purtroppo nei due gol subiti tra andata e ritorno son stati più i nostri demeriti che le loro qualità. Diventa difficile però rimproverare i giocatori, ci hanno messo anima e determinazione. Ora ci buttiamo sul campionato".

Gli infortuni: "Speravamo di arrivare diversamente, loro hanno fatto giocare la migliore squadra possibile e io avrei voluto fare lo stesso, per essere più competitivi, ma sono state prove ottime e ci è mancato poco. Essere giovani non è un alibi, questo è un percorso che arriva da lontano".

Sul finale di stagione: "Ora c'è ansia? Ansia no ma sapevamo che sarebbe stato difficile, adesso abbiamo la possibilità di affrontare il campionato con grande spirito".

Ancora sull'eliminazione: "Non aver segnato è davvero un peccato, ci sono state diverse situazioni da sfruttare meglio e il rammarico penso sia quello. Ci avrebbe permesso comunque di andare ai supplementari, almeno quelli li meritavamo. Dispiace perché secondo me non meritavamo di uscire".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo del Milan e della Serie A.