Pioli scuote la testa: "Inter superficiale e da bocciare"

Pari contro il Torino, sconfitta contro la Sampdoria. Ko anche contro il Crotone, per un totale di sei goal subiti ed un solo punto ottenuto: l'ultimo periodo ha spazzato via quanto buono fatto da Stefano Pioli fin qui. Ora l'Inter si ritrova sotto il Milan e a distanza siderale dalla Champions League.

Obiettivo che dunque si sposta quasi ufficialmente sull'Europa League, comunque difficile da raggiungere considerando Atalanta, Milan e probabilmente Fiorentina. Ora arriva il Derby, una sfida essenziale per rinascere e contro-scavalcare i cugini rossoneri dopo il 2-1 subito a Crotone.

"Inter superficiale e da bocciare, abbiamo commesso errori difficili da prevedere e da fare" ha evidenziato sconsolato Pioli al termine della gara dello Scida. "Nei primi 20 minuti abbiamo spalancato le porte al Crotone. Probabilmente non abbiamo lavorato bene. Approccio sbagliato, troppi errori e una partita che ci doveva vedere diversi è stata pregiudicata".

Dopo De Boer l'Inter è stata risollevata da Pioli, ma la Champions è comunque utopia: "Abbiamo recuperato tanto e speso tanto, ma le ultime partite non ci hanno visto all'altezza delle nostre qualità. Spero che questo ci dia motivazione a partire dal Derby contro il Milan".

Falcinelli Handanovic Crotone Inter Serie A 2017/04/09

Anche Pioli è finito nel calderone Inter, ennesimo allenatore di una società che non riesce a trovare pace e positività: "Nel calcio di oggi la continuità è l'unica ricetta, noi l'abbiamo avuta per quattro mesi e ora abbiamo avuto due pause inaspettate".

Pioli però crede ancora nella sua Inter: "Abbiamo le capacità per dimostrare che il lavoro va nella direzione della continuità. Di certo se questo non succede è giusto subire critiche e non trovarci nella posizione che meritavamo. L'inizio di oggi è inspiegabile, speriamo di riprenderci subito un miglior piazzamento". 

Miglior piazzamento che passa dal Derby di Milano: una sconfitta contro il Milan porterebbe l'Inter a -5, complicando incredibilmente una qualificazione in Europa League: dal sogno Champions di fine marzo alla lotta per la coppa continentale meno nobile. Nel calcio si cambia velocemente. Molto, velocemente.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità