Pippo Baudo: "I calciatori oltre ai piedi hanno anche la testa per dire no al razzismo"

·1 minuto per la lettura

"I calciatori non hanno solo i piedi, hanno anche la testa per ragionare: è bellissimo che la usino per compiere un gesto universale contro il razzismo, come quello di inginocchiarsi sul campo prima del fischio di inizio della partita. E' bellissimo sapere che torneranno a farlo". E' quanto afferma Pippo Baudo all'AdnKronos, in vista della gara Italia-Belgio nei quarti di finale degli Europei di calcio.

"E' un gesto simbolico, che non richiede un grande sforzo: come non accettarlo? I calciatori hanno grande visibilità e rappresentatività e un semplice gesto fatto da loro spesso vale più di mille parole di un saggio sul razzismo", conclude Pippo Baudo.

(di Enzo Bonaiuto)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli