Pjanic chiama la Juve, Allegri risponde: Miralem può tornare, ecco come

·2 minuto per la lettura

Il canale tra Miralem Pjanic e la Juve è aperto. Ed è diretto quello tra il centrocampista bosniaco e Massimiliano Allegri. Con la svolta arrivata proprio negli scorsi giorni. Da tempo Pjanic ha capito come l'avventura al Barcellona non facesse per lui, il suo entourage si è messo ben presto in moto per bussare alla porta di tutti i grandi club italiani perché l'Italia è casa sua: Inter e Milan, Roma e Napoli, ovviamente la Juve. Il problema, enorme, però sta tutto in quelle cifre messe a referto per completare lo scambio con Arthur: per quel che riguarda Pjanic si parla di 60 milioni (più 5 di bonus) e un ingaggio da circa 8 milioni netti. Insomma, un'operazione fuori portata per chiunque a meno che il Barcellona non decida di lasciarlo andare via al prezzo di saldo. Valutazioni in corsa dal quartier generale blaugrana, la conferma di Ronald Koeman conferma Pjanic fuori dal progetto, l'apertura al prestito oneroso o a un altro scambio ci sarà inevitabilmente. In tutto questo c'è chi chiede a Pjanic di non avere fretta. Ed è proprio Allegri.

IL CONTATTO – Se l'opzione Juve ha preso rapidamente il sopravvento sulle altre, il motivo è legato sì al fatto che il ritorno in bianconero rappresenta la prima scelta di Pjanic. Ma anche alla decisione di Andrea Agnelli di riaffidarsi in toto ad Allegri. A sua volta in contatto diretto con il centrocampista bosniaco negli scorsi giorni, un giocatore con le sue caratteristiche e senza aver bisogno di alcun ambientamento né alla Continassa né nell'idea di calcio dell'allenatore, farebbe molto comodo. Insomma, Allegri non solo non dice di no a un Pjanic-bis, ma dice direttamente di sì. A patto che possano verificarsi le giuste condizioni, economiche e tecniche. Così il tecnico bianconero avrebbe chiesto al giocatore di non avere fretta, di temporeggiare nel caso in cui si scaldasse qualche altra pista, in attesa che si potessero incastrarsi tutte le circostanze necessarie per sedersi al tavolo col Barcellona e trovare una soluzione buona per tutti. Perché a volte ritornano, alla Juve si torna sempre più spesso. E pure Pjanic ora pensa che sì, sia già giunto il momento del suo ritorno a casa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli