Pjanic rivela: "Ho dovuto aspettare due anni per andare al Barcellona"

Alessio Eremita
·1 minuto per la lettura

Miralem Pjanic ha tirato le somme della sua prima stagione con la maglia del Barcellona. Non semplice, considerando l'avvio di campionato a rilento e la prematura eliminazione dalla Champions League per mano del Paris Saint-Germain. Queste le dichiarazioni del centrocampista bosniaco nel corso di un'intervista ai microfoni di Mundo Deportivo.

BARCELLONA - "Non ho firmato per andar via dal Barça l'anno successivo, ho firmato per fare la storia in un club che era sulla mia strada da tanti anni. Due anni fa Abidal voleva ingaggiarmi, stavamo parlando ma il club ha investito su Antoine Griezmann e non c'erano soldi per me. Ho dovuto aspettare due anni per vivere il sogno di essere un giocatore del Barcellona".

Barcellona | Eric Alonso/Getty Images
Barcellona | Eric Alonso/Getty Images

KOEMAN - "Koeman mi ha detto in preseason di essere calmo, di rimettermi in forma, di non avere fretta. Poi è stato difficile per me entrare. Koeman non parla molto ai giocatori, quindi quello che devo fare è continuare a lavorare per essere pronto quando ha bisogno di me".

MESSI - "Leo mi parla molto, mi spiega cose sull'ambiente che all'inizio mi sfuggivano. È stato fiducioso su di me dal primo momento, incoraggiandomi, aiutandomi. Spettacolare. Come calciatore, non ne vedremo mai un altro come questo. Non so cosa farà ma vorrei essere al suo fianco per tanti anni".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo e della Serie A.