Platini: "Ceferin sta vivendo il suo momento di gloria. Agnelli pensa ai soldi, altro che Avvocato!"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Michel Platini, ex presidente della Uefa ed ex calciatore della Juventus, ha rilasciato un'intervista a L'Equipe e a Tuttosport. L'ex calciatore ha detto la sua sul calcio europeo, sul presidente Agnelli, sulla Superlega e tanto altro. Ecco le sue parole.

Europeo itinerante?

"Sfortunatamente, la pandemia... Ma penso comunque che sia stata un’ottima idea celebrare il 6o° anniversario del Campionato delle Nazioni Europee coinvolgendo molti Paesi. In Romania o in Azerbaigian stanno costruendo nuovi stadi, quindi hanno il diritto di ospitare l’Euro. Io invitato? No. È stata una mia idea, ma a quanto pare la Uefa e i Paesi ospitanti l’hanno dimenticato".

Ceferin?

"I miei rapporti con Ceferin... non esistono. Lo capisco: è uno di quei politici che non hanno giocato a calcio e stanno vivendo il loro momento di gloria. Se i vecchi giocatori come me si mettono accanto, loro non esistono più. Trovo che abbia gestito la crisi della SuperLega in modo sbagliato. L’allontanamento dei grandi club per fondare la propria competizione è l’unico vero pericolo ricorrente che la Uefa deve gestire. Quindi è meglio anticipare piuttosto che trovarti di fronte a un fatto compiuto e trattare i dirigenti come “codardi”, “serpenti” o “scorpioni” come ha fatto Ceferin. Ridicolo".

Superlega?

"Quando all’inizio della mia presidenza UEFA ho dovuto affrontare lo stesso tipo di problema, sono andato a vedere i dirigenti per convincerli che le nostre competizioni erano le migliori. Parlavamo nell’interesse del calcio, non solo di affari o televisione: ma anche di giocatori e tifosi. Non c’era Ceferin a litigare con Agnelli... Perché è crollata così in fretta? Perché i suoi leader hanno fatto una comunicazione di merda, i media erano contrari e i sostenitori, soprattutto inglesi, erano come al solito, cioè formidabili. Anche gli allenatori sono stati molto bravi. Pep Guardiola è sempre fantastico!".

Michel Platini | Giorgio Perottino/Getty Images
Michel Platini | Giorgio Perottino/Getty Images

Agnelli?

"Non sono stato sorpreso dall’atteggiamento di Agnelli: è sempre stato così, orientato a voler soprattutto valorizzare economicamente la Juventus. Ma non puoi fare tutto pensando ai soldi. Altrimenti è necessario sponsorizzare le reti da porta e incollare pubblicità sui giornalisti nella tribuna stampa. L’Avvocato diceva sempre che il calcio apparteneva ai tifosi e ai media. Ho aggiunto: “Anche ai giocatori”. E lui mi rispondeva: “Questo è quello che pensi!”. Ma l’Avvocato amava profondamente i giocatori".

La nuova Champions?

"È una formula stupida: allungheranno ulteriormente la fase a gironi che già non interessa a nessuno. Alla Uefa, questa è stata a lungo la filosofia di alcuni: sempre più soldi. La Champions è stata creata da (Lennart) Johansson. Ero contrario. Trovo che la Coppa dei Campioni solo con campioni e partite a eliminazione sia ancora la formula migliore, ma quando i club ti dicono che vogliono più partite e hanno bisogno di soldi, devi tenerne conto. Quando sono diventato capo della Uefa, la mia idea era soprattutto di favorire i campioni di alcuni Paesi. Ho cercato di trovare un compromesso, senza rivoluzionare tutto, perché c’era anche un sistema economico da rispettare".

La prigione?

"Non ho un momento migliore. Ho solo una vita fantastica. Anche nella mia cella, in custodia di polizia, con i poliziotti, ho riso tutto solo, mi sono detto: “Ma è straordinario, tutto quello che mi succede!”. Nella vita, se vuoi davvero goderti i bei momenti, devi anche accettare quelli più difficili. [...] Sono stato messo in una cella due volte. La prima volta, c’era un altro ragazzo, un ucraino. Mi ha riconosciuto e voleva un autografo. Era contento, mi ha detto: “Prigione in Francia, meglio che in Ucraina!” Per la seconda pausa degli investigatori, alle 17, mi sono ritrovato di nuovo in cella, ed ero lì da solo. Mi sono sdraiato sulla panchina e ho riso. La gente pensa quello che vuole, ma siccome non ho niente da rimproverarmi, ho la coscienza pulita, possono sempre cercare, non troveranno mai niente. Sono e sono sempre stato incorruttibile".

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità della Serie A.