I playoff di Campana: "Ha vinto la panchina della Reyer"

Sportal.it
"Questa volta il livello tecnico del gioco è stato poco promozionale per alzare lo share televisivo" dice il giornalista grande esperto di basket.
"Questa volta il livello tecnico del gioco è stato poco promozionale per alzare lo share televisivo" dice il giornalista grande esperto di basket.

Sportal.it ha chiesto un intervento sui playoff che hanno preso il via sabato a Enrico Campana, giornalista grande esperto di basket e già prima firma della ‘Gazzetta dello Sport’. Va alla Reyer  che riflette nel basket gli splendori della Serenissima con un roster inferiore solo all'Olimpia questa gara1 con Trento, nobilitata  dalle convulsioni agonistiche con la fuga iniziale dei  trentini (19-2)  e il finale pungente dei veneziani, più che dal  livello tecnico del gioco poco promozionale per alzare lo share  televisivo. Effetto-budget ovvero  " i siori": è stata la panchina  veneziana a farla da padrone,  con 36 punti contro 6. E se Andrea De  Nicolao, sorta di Pirlo del basket,  il Balilla di Camposampiero ha dato  la sveglia nel finale del primo tempo ai suoi giganti,  in una serata in  cui i doscuri americani Daye e Watt hanno segnato 10 punti in due, lo  sloveno Vidmar è stato granitico e l'argentino Cerella ha scavato il  solco nel finale con 4 tri liberi e la tripla.

Questo il film della gara nella quale le squadre-faro del nord-est  protagoniste delle finali scudetto nelle ultime stagioni non hanno mancato di dare un saggio del loro peggio del peggio. E sono solo per i  124 punti  totali, il minimo fra e  4 gare dei quarti  anche come il 119  di valutazione che sarebbe la cifra del gioco. Le ultime due della A nei  tiri liberi  sono state addirittura capaci di stare sotto al loro 

standard: per la Reyer 13/20 (con 3/8 di Vidmar), 65% contro il 15°  posto della regular season (68,1%), per le Aquile 19/33 (con 2/6  dell'acerbo Jovanovic e 3/6 di Hogue) 57,66 contro il 67,7 del 16° e  ultimo posto.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

MVP -  L'ex NBA Devin Marble  top nel punteggio (18) e valutazione (19) , 9/12 tiri liberi, e un dunk in entrata a una mano alla Jordan ,  l'azione più bella della gara. La squadra però non sempre l'ha cercato, ogqi deve intervenire Buscaglia.

DESTINO - Trento ha pagato il problema di falli di Craft che stato troppo in panchina anche a causa della botta al naso che perdeva sangue,  il suo commovente finale con tre entrate  a razzo sono stato l'ultimo sussulto di Trento (59-53) prima della tripla ferale  di Cerella del 62-53 . Errore arbitrale imperdonabile di Paternicò: un passi fischiato  a Hogue smentito dalle riprese Rai, e poi il tecnico per proteste  all'americano che ha innervosito la squadra. Perché l'arbitro non si è  preso lo scrupolo di rivedere l'azione al replay?

SUL FILO DEL RASOIO - Quest'anno la sfida  è questione di sopravvivenza. Due anni fa era la finale tricolore, vinse Venezia complice il colpo di Trento arrivata stremata per  l'eroica semifinale con l'Olimpia, l'anno scorso i trentini si vendicarono mettendo fuori i veneziani in semifinale. Per la terza volta i destini s'incrociano però  già dei quarti  portandosi  dietro le due squadre una stagione di alti e bassi, la Reyer  ha buttato alle ortiche la coppa e il secondo posto mentre  Trento ha iniziato con 5 sconfitte e richiamato Craft, novello Arsenio Lupin del canestro (7 recuperi in gara1), e premiato  miglior difensore della stagione), ha recuperato con 11 vittorie e 4 sconfitte, miglior classifica nel girone di ritorno, finendo al 6° posto. Questo playoff è un viaggio sul filo del rasoio, chi vince riprende slancio e fiducia, chi perde è fuori dal gotha.  E soprattutto c'è il vantaggio di non trovare sul proprio cammino l'Olimpia campione uscente e Sassari, reduce da 20 vittorie,  che sono dall'altra parte del tabellone.

ALTRI MONDI - Daniel Hackett ha vinto come play titolare del Cska l'Euroleague  (91-83 con i turchi dell'Efes) ottavo trofeo per i russi, terzo il Real Madrid e ultimo il Fenerbahce con 7 punti di Melli. Top stagionale di Alessandro Gentile per punti (27), percentuale di tiro (10/13, 77%), rimbalzi (8), valtazione (24) e minuti (34) decisiva per la salvezza dell'Estudiantes.

Potrebbe interessarti anche...