Pogba alla Juve, conto alla rovescia. E il 'bonus fedeltà' fa arrabbiare i tifosi del Manchester United

In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Paul Pogba alla Juventus, il conto alla rovescia è iniziato. Come abbiamo scritto nei giorni scorsi, l'accordo sostanziale fra il club bianconero e l'entourage del francese, con a capo l'avvocato Rafaela Pimenta, è stato già trovato. L'ingaggio del campione del mondo classe 1993 sarà di 8 milioni netti più bonus, e Pogba sarà insieme a Matthijs de Ligt il più pagato della Juve. Per almeno tre anni, perché è qui che si lavora ancora sui dettagli, in quanto la Juve vorrebbe tutelarsi con un accordo di media durata mentre Pogba vorrebbe almeno una stagione in più. Niente che possa comunque mettere in discussione un accordo ormai a un passo dalla fumata bianca. Tanto che si ragiona già sui giorni delle visite e dell'annuncio, che potrebbe essere il 17 giugno, in concomitanza con il lancio del documentario Amazon sul Polpo.

BONUS FEDELTA' - Intanto, in Inghilterra si fanno i conti e si tirano le somme dell'esperienza di Pogba al Manchester United dal 2016 ad oggi. Il Daily Mail calcola che Pogba è costato ai Red Devils oltre 250 milioni tra cartellino (105 milioni alla Juve nel 2016), stipendio e bonus, mentre il Times rivela che Pogba riceverà un "bonus fedeltà" di circa 4,4 milioni di euro. Un elemento, questo, che fa storcere il naso a molti tifosi dello United, che hanno visto per ben due volte Pogba lasciare il loro club a parametro zero (nel 2012 e adesso).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli