Poker Roma, Spalletti sottolinea: “Il secondo posto è una vittoria”

Il ds della Roma, Monchi, ammette di volere Totti "al mio fianco" e annuncia: "Oggi incontro Spalletti: spero di poter lavorare ancora con lui".

La Roma espugna il campo del Pescara con un sonoro 1-4 e blinda il secondo posto, sfruttando la frenata del Napoli contro il Sassuolo. Luciano Spalletti commenta con grande soddisfazione la serata dell'Adriatico.

Intervistato ai microfoni di 'Mediaset Premium', Spalletti è raggiante: "Una delle vittorie più importanti del campionato, non una risposta importante. Nel senso che questa era una partita da portare a casa, da fare qualcosa di buono sotto l’aspetto di gioco per portare autostima e convinzione. Partita eccezionale da parte dei ragazzi".

L'allenatore giallorosso vuole concentrazione da qui alla fine del campionato: "Il secondo posto è un traguardo che questi calciatori meritano, però è chiaro che mancano 5 partite e che c’è da fare risultati importanti, abbiamo confronti di altissimo livello con squadre di altissima qualità".

La corsa contro il Napoli si presenta entusiasmante, Spalletti pensa anche al derby: "Il Napoli fa vedere di essere temibilissimo sotto tutti gli aspetti, l’importante è arrivare con forza, tranquillità, consapevolezza di avere mezzi per giocarci risultati. Derby? Sono quelle partite che non importa andarci a mettere le mani, i ragazzi troveranno motivazioni da soli".

Ai microfoni di 'Sky Sport', Spalletti commenta anche l'arrivo di Monchi: "Non c'ho mai parlato. Tutti dicono che è un grande professionista, basti vedere quanto fatto in precedenza. La società è stata brava a portare a casa una pedina importante. Poi ci sarà modo di parlare".

Il futuro non è ancora deciso, l'allenatore toscano non si sbilancia: "Io ho sempre detto che se non avessi vinto me ne sarei andato in funzione di quelle partite. La posizione di classifica è di quelle bellissime e importantissime, di conseguenza il lavoro è importante e davanti c'è solo la Juventus. Il secondo posto una vittoria? Si può considerare, se ci arrivassimo, un risultato eccezionale. Quelli davanti hanno fatto meglio di tutti in Europa. E' chiaro che ci sono state delle partite dove abbiamo rallentato".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità