Polemiche per il blitz di Arthur a Dubai durante la sosta: la posizione della Juve

Antonio Parrotto
·1 minuto per la lettura

Weekend a Dubai per Arthur, centrocampista della Juventus. Il centrocampista brasiliano si è concesso una breve pausa anche per dimenticare il brutto errore commesso prima della sosta nel match contro il Benevento.

Il giocatore ha approfittato dei giorni di pausa concessi da Andrea Pirlo per un blitz a Dubai. Le foto e la storia pubblicate su Instagram raccontano del brasiliano sorridente, ospite dell’amico Saif Ahmad Belhasa nello zoo privato dello sceicco, insieme all’ex calciatore egiziano Zidan. Niente mascherina indossata, peraltro, e sui social si scatena puntuale la polemica.

Arthur | Soccrates Images/Getty Images
Arthur | Soccrates Images/Getty Images

Tante le critiche mosse, scrive il Corriere dello Sport. Si mette in dubbio la liceità del viaggio. "Ma come fate ad andare a Dubai che noi non possiamo neanche uscire dal nostro comune?!" si interroga qualcuno. I viaggi all'estero sono consentiti ma solo per "lavoro, motivi di salute, studio, assoluta urgenza o rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Sono quindi vietati gli spostamenti per turismo". Il giocatore potrebbe essersi recato a Dubai per delle partnership commerciali sfruttando i giorni liberi. La Juve fa sapere che il giocatore non era sotto controllo della società perché usufruiva di alcuni giorni liberi. Arthur potrà riprendere la preparazione senza problemi perché, come spiegato sul sito del Consolato, "per l’ingresso in Italia dagli Emirati non è al momento richiesta l’effettuazione di un test PCR (tampone)".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.