Prada Cup, Luna Rossa vola: avanti 2-0

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·4 minuto per la lettura

Luna Rossa vola nel vento leggero e in quello più sostenuto, con punte di 20 nodi vicino al limite stabilito dalle regole di regata: si chiude con un netto e meritato 2-0 la prima giornata di battaglia contro Ineos UK per decidere chi sfiderà i neozelandesi all'America's Cup. Nella prima regata il vantaggio sugli inglesi è stato di quasi un minuto e mezzo, complice sia un errore in partenza degli uomini di Ben Ainslie sia la scelta del campo destro di regata per mantenere la precedenza mure a dritta negli incroci, nella seconda -più combattuta- il vantaggio è stato di 26 secondi all'arrivo.

"La prima prova -è il report del team italiano- è iniziata con qualche minuto di ritardo a causa del vento troppo leggero sul campo che si è stabilizzano sugli 8-10 nodi in pochi minuti. Alle 16.19 parte la regata con vento in aumento da nord-nordest. Luna Rossa entra mure a sinistra e vince la partenza contro gli inglesi, che cadono dai foil e faticano a riprendere il volo. Per oltre un minuto rimangono in displacement nell’entry box. Sono secondi preziosi che permettono a Luna Rossa di allungarsi di oltre 600 metri sulla parte sinistra del campo di regata, da dove entra più pressione. Anche quando Ineos riesce a riprendere il passo, Luna Rossa gestisce con attenzione il vantaggio che aumenta gate dopo gate mantenuto sempre sopra il minuto, grazie alla conduzione precisa e le manovre pulite su tutti i giri di boa. La regata si chiude con Luna Rossa che attraversano la linea di arrivo 1:56 minuti prima della barca inglese".

"Nella seconda prova il vento in aumento da nordest arriva fino a punte di 20 nodi in alcune zone del campo di regata. In partenza questa volta a Luna Rossa tocca il lato destro dell’entry box, e va subito a cercare gli avversari. Gli inglesi si difendono chiedendo una penalità che non viene assegnata. Allo scadere dei due minuti Luna Rossa parte sulla linea sopravvento agli inglesi. Dopo pochi metri è costretta a andare nella parte destra del campo, ma al primo incrocio inizia a conquistare i primi metri di vantaggio che aumentano per tutto il corso della regata e si consolidano. In questa regata i distacchi sono un po’ più vicini, ma Luna Rossa riesce a mantenere sempre il controllo, chiudendo con un vantaggio di 26 secondi". Domani altre due regate e il vento rinforza.

"E' stata una giornata positiva iniziata nel modo migliore, ma siamo solo all’inizio e abbiamo vinto solo le prime due regate. Sarà importante mantenere la concentrazione alta perché può succedere di tutto" dice lo skipper di Luna Rossa, Max Sirena. "Sicuramente domani scenderemo in acqua con la consapevolezza che la barca va molto bene. La cosa interessante è che oggi abbiamo regatato in condizione di vento leggero nella prima prova e di vento medio forte nella seconda. Questo per noi è stato molto importante perché ci ha aiutato a capire dove eravamo in termini di performance rispetto ai nostri avversari. I ragazzi sono stati bravissimi, hanno portato molto bene la barca. Non hanno sbagliato né la prima né la seconda partenza e sono stati perfetti a controllare il margine. Forse abbiamo commesso qualche errore nella seconda bolina, della seconda regata, ma naturalmente nelle prossime ore, lavoreremo e analizzeremo i dati per capire se dobbiamo fare qualcosa di più nelle prossime giornate. La serie è ancora molto lunga, quindi testa bassa e concentrati".

"Nella seconda regata è stata una partenza equilibrate e le barche erano vicine" racconta Ben Ainslie, lo skipper, timoniere e capo missione di Ineos UK. "Gli italiani hanno fatto un buon lavoro, hanno navigato meglio e più velocemente interpretando bene il campo di regata. Gli faccio i complimenti mentre noi dobbiamo tornare alla base e trovare il modo di essere più veloci e di capire cosa non ha funzionato oggi".

"Nella seconda prova c’era un vento abbastanza stabile, quindi abbiamo fatto più una drag race con una barca davanti all’altra. Luna Rossa è un team forte ed è difficile sorpassarli se non commettono errori. Il campo A scelto per le regate di oggi è diverso da uno più stretto come il campo C, dove il vento viene da terra e ci sono vari cambiamenti di direzione e le scelte sono più aperte. Vediamo che succede domani".