Pregliasco: "Quarantena soft per calciatori non è adeguata"

·1 minuto per la lettura

Per il calcio "c’è la necessità di maggiori precisazioni, rispetto ai protocolli. Oggi c’è una recrudescenza in corso dell’epidemia, andare a cercarsi guai è un qualcosa che va oltre l’opportunità. Dire che è possibile una quarantena soft dei calciatori, perché c’è un interesse superiore, non mi sembra adeguato. Un conto è la quarantena soft per un chirurgo che deve operare e che è difficilmente sostituibile, altro conto è farla per i calciatori". Lo sostiene Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università degli Studi di Milano, intervenuto alla trasmissione 'L’Italia s’è desta' su Radio Cusano Campus, commentando i contagi nel mondo del calcio e le polemiche dopo lo stop dell'Asl di Napoli alla trasferta della squadra cittadina a Torino per la partita contro la Juventus.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli