Preziosi duro, 15 giorni di ritiro per il Genoa: "Non vedrete le vostre famiglie"

Il Crotone lotta, l'Empoli va a corrente alterna, il Palermo ha avuto un sussulto: in coda, oltre al Pescara già retrocesso, tutte, o quasi, hanno ottenuto dei risultati nelle ultime gare. Il quasi è rappresentato dal Genoa, che nelle ultime diciasette gare ha vinto appena una volta. La questione si fa seria, considerando gli appena cinque punti dalla zona retrocessione.

Nel pomeriggio il presidente del Genoa, Preziosi, si è recato al centro sportivo di Pegli per parlare alla squadra: discussione con Juric e i giocatori, per poi visionare l'allenamento e valutare se sia il caso di mandare la squadra in ritiro fino alla decisiva gara di domenica contro l'Inter.

Ritiro necessario secondo Preziosi, considerando la pessima situazione di classifica in qui il Genoa è finito nel girone di ritorno: dopo la prestigiosa vittoria contro la Juventus la squdra ligure si è sciolta, riuscendo a conquistare i tre punti solamente a marzo contro l'Empoli.

"Per due settimane non vedranno le loro famiglie, hanno sbagliato a gestire la partita col Chievo" ha evidenziato Preziosi. Dopo la sfida contro l'Inter il Genoa volerà direttamente in Sicilia per preparare la sfida contro il Palermo. "Se non vincono stiamo qui in ritiro fino al 28 giugno, con la retrocessione avrei un danno di 60-70 milioni. La gente deve parlare conoscendo la situazione. Il fatto del paracadute mi fa ridere, noi abbiamo 50-60 milioni di spese".

Genoa Chievo

Un successo al Ferraris manca proprio dal clamoroso 3-1 rifilato alla Juventus a fine novembre: da lì solamente passi falsi, tra cui la sconfitta contro il Palermo e il pareggio contro il Crotone, fino ad arrivare al 2-1 subito in rimonta contro il Chievo, che ha generato una situazione pesantissima per tutti.

Juric, attuale tecnico del Genoa, tornato in panchina dopo l'esonero di Mandorlini, ha addirittura lasciato la conferenza stampa post Chievo in lacrime, mostrando come l'ambiente sia impaurito dalla prospettiva della Serie B, largamente impensabile a fine 2016.

Quella tra Genoa e Inter sarà una gara in cui il pareggio non serve a nessuno: anche i nerazzurri sono reduci da un ritiro forzato, ma nonostante questo il team Pioli è caduto, seppur di misura, nel difficile impegno contro il Napoli. Ora, al Ferraris, si incontrano le due squadre reduci da pesanti periodi negativi. Rinascita o inferno? Domenica la risposta.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità