Progetto Pirlo: cosa non sta funzionando alla Juventus?

Emiliano Angelucci
·1 minuto per la lettura

Dopo la sconfitta in casa contro il Benevento di Filippo Inzaghi, la Juventus di Andrea Pirlo sembra dire addio definitivamente al sogno Scudetto, distante 10 punti. L'occasione di questa settimana per i bianconeri era veramente ghiotta, perché con una vittoria si sarebbero portati a -7 dall'Inter e avrebbero ridotto il gap dalla capolista. Invece è arrivata l'ennesima delusione in una stagione decisamente sottotono per la Juve. Ma cosa non sta funzionando in questa squadra?

Il continuo cambio di modulo non crea una stabilità decisiva nella squadra di Pirlo: nel giro di pochi giorni si passa dal 4-4-2 al 3-5-2 e i giocatori sembrano accusare queste variazioni. È vero che la duttilità nel calcio moderno conta molto, ma nonostante i tanti cambi di modulo il gioco fatica ad arrivare per la Juventus, che ora deve anche guardarsi dietro dalle inseguitrici che stanno riprendendo vigore.

Il centrocampo appare come un reparto in grande difficoltà e l'errore tecnico di Arthur nell'ultimo match ne è un chiaro esempio: passaggio orizzontale molto azzardato che regala il vantaggio al Benevento. Ma oltre all'ex Barcellona anche Rabiot e Bentancur hanno deluso in diverse partite importanti (l'uruguaiano, ad esempio, ha propiziato il primo gol del Porto nel match d'andata di Champions League).

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.