Puntura di medusa, i rimedi efficaci

Yahoo Notizie
(foto: Getty)
(foto: Getty)

Il contatto con una medusa è un classico spauracchio da spiaggia, e capita più frequentemente di quanto si possa immaginare. Le meduse non pungono e non mordono, ma i loro tentacoli emettono una sostanza urticante per la pelle che causa irritazioni cutanee, gonfiore e arrossamento. Il dolore è assicurato. A volte per sentire dolore è sufficiente entrare in contatto con il liquido urticante, liberato dai filamenti, senza nemmeno toccare la medusa.

In particolare bisogna essere attenti con i bambini: se viene colpita un'area più estesa del 50% del corpo, l'intensità del bruciore è quasi insopportabile; negli altri casi meno gravi il prurito è sì irrefrenabile ma solo per una ventina di minuti.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

In caso di contatto la prima cosa da fare è mettersi in condizioni di tranquillità, permettendo una respirazione normale fuori dall'acqua. La medicazione corretta consiste nell'applicazione di gel astringente al cloruro d'alluminio: il gel astringente ha un'immediata azione antiprurito e blocca la diffusione delle tossine.

Non tutti hanno la premura di portarsi dietro questo gel: in mancanza si può usare una crema al cortisone per lenire il dolore a lungo termine. Per disinfettare, bastano acqua di mare e bicarbonato.

L'area di pelle colpita dalle meduse è piuttosto sensibile alla luce solare e tende a scurirsi rapidamente, ma è più un problema estetico. Per evitare che la pelle si macchi, bisogna assolutamente evitare pomate antistaminiche; l’unica soluzione è tenerla coperta fino a quando la reazione infiammatoria non scompare - di solito entro le due settimane dal contatto.

Ovviamente con difficoltà di respirazione è necessario chiamare un'ambulanza, oltre che il bagnino (se si è ancora in acqua).

Cosa non bisogna fare? Grattarsi, strofinare la sabbia sulla parte dolorante, usare ammoniaca, aceto, alcool o succo di limone, disinfettare con acqua dolce o ghiaccio, versarci della pipì (è una leggenda metropolitana) o eliminare i resti di tentacoli con forza (meglio una pinzetta).

Potrebbe interessarti anche...