Qatar 2022, Kakà: "Spero che Neymar faccia la differenza"

Getty Images

Kakà è ansioso di vedere il connazionale Neymar diventare il vero "erede" di Lionel Messi e Cristiano Ronaldo e ha sostenuto il Brasile come favorito per la conquista della Coppa del Mondo.

I Verdeoro andranno in Qatar alla ricerca della prima vittoria dal 2002, quando Kakà faceva parte della squadra, seppure da ragazzino davvero molto giovane e non ancora titolare, cosa che sarebbe diventato poi al Milan.

Il Brasile è considerato uno dei favoriti per Qatar 2022, insieme agli acerrimi rivali dell'Argentina, e Kakà ha sottolineato il fatto che probabilmente sarà l'ultimo torneo di Messi e Ronaldo.

Neymar, ora 30enne, potrebbe avere almeno un'altra opportunità in Coppa del Mondo prima di appendere gli scarpini al chiodo, e Kakà è ansioso che l'attaccante del Paris Saint-Germain segua l'esempio di Messi e Ronaldo al vertice del calcio mondiale. Queste le sue parole:

"Il diverso periodo del calendario, la temperatura, la mancanza di viaggi e la possibilità di iniziare subito il recupero sono tutti fattori che giocheranno un ruolo importante. A mio avviso i campioni saranno in piena forma", ha dichiarato alla Gazzetta Dello Sport. "In teoria sarà l'ultima per Lionel Messi e Cristiano Ronaldo. Sono curioso di vedere il loro impatto. Cercheranno di dimostrare che sono ancora dei leader. Mi piacerebbe che Neymar fosse consacrato come loro erede in questa occasione, considerando il suo talento, la persona e il giocatore che è diventato".

Kakà ha anche spiegato perché ritiene che il Brasile sia il favorito alla vittoria, aggiungendo però che crede che la Serbia possa creare problemi.

"Il Brasile è il favorito perché ci sta lavorando da molto tempo. È stato giusto nominare Tite e il gruppo ha il giusto mix di gioventù ed esperienza", ha aggiunto. "Le altre grandi pretendenti sono Argentina e Francia, mentre la Serbia potrebbe essere una sorpresa".

Il Brasile inizierà il suo Mondiale contro la Serbia il 24 novembre, prima di affrontare la Svizzera e il Camerun nelle altre gare del Gruppo G.