Qatar 2022, Totti: "Mondiali senza Italia come Roma senza Colosseo"

(Adnkronos) - "I Mondiali senza l'Italia sono come Roma senza il Colosseo". Lo dice Francesco Totti, ospite a Dubai dei Globe Soccer Awards in qualità di ambassador della Lega Serie A. "È inusuale, per noi italiani è più che negativo - aggiunge l'ex numero 10 della Roma a Sky - Sono cose che accadono e vanno prese nel modo giusto. Seguiremo un Mondiale diverso, ma resta una competizione importante con grandi squadre". Una Coppa del Mondo diversa per la collocazione nel calendario, ma uguale per le candidate alla vittoria finale: "Sono sempre le solite: Francia, Brasile, Argentina, Germania e Spagna - aggiunge Totti - Non ce n'è una in particolare, ai Mondiali può succedere di tutto. Giocando a novembre e dicembre, inoltre, non sai come arrivano i giocatori a livello fisico".

"Il campionato italiano è sempre bello, dall'inizio alla fine dice ancora - Quest'anno il Napoli sta andando oltre le aspettative e sta facendo grandi cose. Dovesse continuare così, le possibilità per le altre squadre di recuperare sarebbero minime. Milan, Inter e Juventus, però, non mollano mai. Fino alla fine sarà un campionato bello e combattivo. Bisogna vedere come torneranno i giocatori dopo il Mondiale. Se il Napoli manterrà questa continuità, però, penso che sarà difficile fermarlo".

Se la squadra di Spalletti è la favorita per lo scudetto, dall'altra parte Totti spera nel ritorno in Champions della Roma: "Spero che possa risalire e tornare ai vertici. L'obiettivo principale è tornare in Champions League perché è il palcoscenico che merita", aggiunge l'ex numero 10 giallorosso.

In merito all'attaccante del Manchester City, Erling Haaland, grande protagonista della prima parte di stagione: "È impressionante, non sembra così giovane. Si è espresso ad alti livelli con il Dortmund e sta facendo delle cose straordinarie con il Manchester City. Avendo una squadra dietro che lo supporta nel migliore dei modi, diventa tutto più semplice. Poi, però, non è facile realizzare tutte le occasioni che nascono. Dovesse continuare così, andrebbe oltre Messi e Ronaldo".