Rabiot con il Psg chiude il cerchio: ultima in Champions con la Juve per il miglior centrocampista di Allegri

Un cerchio che si chiude: quella di questa sera contro il Paris Saint Germain potrebbe essere l'ultima partita di Adrien Rabiot con la maglia della Juventus in Champions League, proprio contro la squadra dalla quale si liberò a parametro zero nel 2019. Con la Juve già eliminata dalla Champions attuale e con il contratto del francese in scadenza a giugno 2023, ad oggi è difficile ipotizzare di vedere di nuovo Rabiot in campo in Champions con la maglia bianconera in futuro. E' molto più probabile infatti che il classe 1995 decida di cambiare aria a fine stagione, sfruttando ancora una volta lo spostamento a costo zero per strappare un ingaggio più alto rispetto a quello che potrebbe proporgli la Juve per un eventuale rinnovo.

JUVE QUASI FUORI DAI GIOCHI - L'ultima volta che Rabiot ha parlato del suo contratto, una decina di giorni fa, si è espresso in questi termini: "Rinnovo? Non lo so. In questo momento ci sono altre priorità". E' per la Juve, però, che Rabiot rischia di diventare una delle priorità, seppur di difficilissima soluzione: ad oggi l'ex Psg è il centrocampista più affidabile e di maggior rendimento della rosa, oltre che quello con la maggior esperienza internazionale. E un giocatore di questo tipo, guardando alla situazione del centrocampo bianconero, andrebbe confermato. Il problema, per la Juve, è l'impossibilità di garantirgli un rinnovo che anche solo si avvicini alle cifre dell'attuale contratto (7 milioni a stagione), cosa invece del tutto alla portata dei club interessati al numero 25 bianconero (dal Manchester United allo stesso Psg, passando per Newcastle e Chelsea). Risultato: quella di oggi sarà probabilmente l'ultima partita in Champions del miglior centrocampista della Juve attuale.